Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
Tim Cook laurea

innovazione

Tim Cook e la laurea honoris causa all’università Federico II di Napoli

L’ultima domanda. Questo è il titolo di un racconto di Isaac Asimov: la storia di una domanda, appunto, sul senso della vita fatta a un computer e che viene tramandata nei millenni. Fino a quando l’unico essere senziente esistente nell’universo, un superprocessore, se la pone per l’ultima volta. Risultato: “E luce fu”. Tim Cook ha sicuramente letto quella novella ed in fondo non va tanto lontano quando spiega la ragion d’essere di Apple: “Se dovessi darvi un consiglio sul vostro futuro, non sarebbe quello di farvi una domanda. Ma di farvi la domanda giusta”. L’occasione è la cerimonia in cui l’Università Federico II di Napoli gli conferisce la laurea honoris causa in Innovation an International Management, ma la frase non è rivolta solo agli studenti. Che poi incontrerà per un ora rafforzando i suoi concetti. La sua è una richiesta al mondo di far parte di qualcosa di più grande. “Perché Apple è stata fondata da un visionario il cui scopo era rendere il mondo migliore, di lasciarlo meglio di come l’abbiamo trovato. Ed è questo che facciamo tutti i giorni”.

La laurea honoris causa a Tim Cook dall’Università Federico II di Napoli

Santo o diavolo? La questione sull’ormai Dottor Cook si ripete ogni volta che esce uno dei suoi prodotti. L’iPhone, per esempio, per qualcuno potrebbe essere il frutto della Mela per gli Adamo dell’era moderna, con qualche centinaio di dollari in più da dare al serpente. Eppure è Tim a parlare dal palco, con voce ferma a lanciare un appello al resto del mondo sulla necessità di fare tutti qualcosa in più. Ed è questa insomma la notizia del giorno: il voler essere capofila di un progetto che non deve e non può coinvolgere solo Apple. “La rivoluzione ha bisogno di tutti. Siamo pronti a collaborare con tutti i partner possibili per lasciare un futuro migliore alle generazioni che verranno. Ognuno di noi deve portare avanti questo compito giorno per giorno”.

Come? Facendosi la domanda giusta, “e portando avanti le proprie idee e le proprie aspirazioni basandosi sui propri valori. Quelli sono la guida”. Per Apple, per esempio, è utilizzare energia pulita, produrre dispositivi con materiali riciclati quasi al 100 per cento, coinvolgere i fornitori in un progetto green per diventare carbon neutral al 100. E poi attenzione all’inclusione e alla diversità e dare anche a chi è meno fortunato conforto attraverso l’utilizzo di sistemi sempre più utili a chi è affetto da disabilità. “Il nostro comportamento influisce sulle generazioni future”.

“1+1 deve dare 3”

Presa la laurea, agli studenti poi Tim Cook racconterà il legame con l’Italia e con Napoli. Dove Apple ha aperto 6 anni fa un’Accademia per il coding che ha già diplomato duemila studenti: “Il genio del vostro Paese nei secoli ha condizionato il progresso dell’Uomo”. Per poi confermare che la realtà aumentata e l’uso benefico dell’intelligenza artificiale è ciò che più impegna ora Cupertino. E a chi gli ha chiesto quale sia il tipo di persona che cerca per il suo team, la risposta è un po’ la somma di tutto: “Cerco persone curiose, che si facciano sempre domande cercando quella più intelligente. E cerco persone che sappiano collaborare, perché è da lì che nascono le idee migliori: per noi, in Apple, 1+1 deve dare 3. Cerco persone differenti, che sappiano di dover vivere per una ragione più grande di loro stesse”.

Non c’è paradiso o inferno allora, nel Pianeta Apple. C’è business, ovviamente, ma non è solo quello il punto: “Quello che è successo negli ultimi anni, tra il Covid e ora la guerra in Ucraina, dimostra che viviamo in un mondo complesso. Eppure resto ottimista, perché mi guardo intorno e vedo tanto potenziale nelle persone”. Non bisogna arrendersi mai ma insistere, “perché, ragazzi, la gioia è nel viaggio non nel futuro che volete raggiungere”. Per questo esiste la tecnologia, alla fine. Per questo “deve essere al servizio del benessere umano. E grazie a lei nulla è impossibile”. Perché no: la pace, perfino.

giornalista appassionato di tutto quanto fa tecnologia, caporedattore del quotidiano Il Giornale

Potrebbe interessarti

innovazione

Snapchat la piattaforma social, dove è possibile pubblicare immagini, video e non solo, si espande con l’e-commerce in realtà virtuale. L’azienda ha già conquistato...

innovazione

TIM e Qualcomm Technologies hanno siglato un accordo di collaborazione per lo sviluppo grazie al 5G di nuovi servizi smart city abilitati dalla tecnologia...

News

Dunque è conferrmato che il nuovo iPhone 14 verrà presentato da Apple il 7 settembre. Si tratta di una data inusuale per Cupertino, soprattutto...

gaming

La tecnologia è il segreto del successo di un prodotto, poiché lo rende più veloce e più adatto alle nuove esigenze. Il progresso tecnologico...

Advertisement
YouTube

Caricando il video, l'utente accetta l'informativa sulla privacy di YouTube.
Scopri di più

Carica il video

Iscriviti alla Newsletter

Tutorials Point
Advertisement

Ultime news

innovazione

Entro il 2027, il settore della telemedicina produrrà utili per oltre 270 miliardi di dollari. Solo negli USA, la spesa sanitaria crescerà del 5%...

Green Tech

Dopo il lancio di The Green Side, la campagna per passare al Lato Verde della vita, Subito evidenzia l’importante sostenibilità dei regali usati a...

innovazione

Dopo la pandemia, c’è stato un cambio di prospettiva da parte dei viaggiatori italiani. Questi scelgono di risparmiare in ambito di spese personali per...

Italpress

MIAMI (STATI UNITI) (ITALPRESS) – Lamborghini Huracàn Sterrato, prima supersportiva all terrain e ultima arrivata della linea Huracàn, ha fatto ieri la sua prima...

Italpress

TORINO (ITALPRESS) – Fiat Metaverse Store è il primo showroom interattivo al mondo alimentato dal metaverso, che rende il Marchio un vero e proprio...

crowdfunding

DoctorApp è una start-up innovativa che si dedica e si impegna a rendere i rapporti medico/paziente semplici e chiari. Come? Grazie ad un’applicazione di...

Copyright © 2020 Trameetech
Testata giornalistica online registrata il 29 dicembre 2021 al n. 238 del registro della Stampa del Tribunale di Milano
P.IVA: 12562100961