Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
moda green

Green Tech

Moda green e e-commerce sostenibile: quello che c’è da sapere

Che cos’ è davvero la moda green? E come utilizzare l’e-commerce per trovare i capi giusti che siano sostenibili e di qualità? La risposta arriva da questo testo scritto da alcune studentesse del secondo anno del conrso di Fashion styling&Communication all’Accademia del Lusso di Milano. Ovvero: Veronica Baldo, Francesca Ferrari, Anna Fiore, Milena Forgiarini, Camilla Formicola, Silvia Fortunato e Martina Gamba.

moda green sostenibilità

Moda green: tutto quelle che c’è da sapere

“Soddisfare i bisogni della generazione presente senza compromettere quelli della generazione  futura”. Questa è la sostenibilità, ovvero un concetto etico diventato fondamentale. Già dagli anni ’70 sono arrivati i primi accenni di una presa di coscienza da parte delle persone. Ma è negli ultimi anni che l’aspetto sostenibile è indispensabile per il consumatore tipico di questo periodo. Che acquista da brand attenti a cause sociali. La sostenibilità è diventata un aspetto  importante anche per i brand di moda, storici o emergenti, di lusso o meno. Che lentamente  stanno cambiando le loro politiche per adattarsi a questo nuovo formato di produzione antiwaste.

Le grandi aziende del fashion hanno iniziato ad adottare pratiche green. Principalmente intervenendo sui materiali, utilizzando quelli di scarto:

  • tessuti gettati trasformati con il processo dell’upcycling
  • reti da pesca
  • alghe
  • fibra del latte
  • plastica riciclata

Molte innovazioni sono state fatte nel settore della pelle, in cui si lavora su alternative ecologiche che non danneggino né gli animali né il pianeta. Ottenendola insomma da scarti di lavorazione del vino, oppure creandola  direttamente in laboratorio.

I vantagi dei processi sostenibili

I processi sostenibili della moda green non solo sfruttano meno le risorse del pianeta, che scarseggiano ora più che mai, ma aiutano a diminuire l’impatto ambientale. Dato dall’inquinamento e dal consumo di miliardi di litri d’acqua che ogni anno vengono impiegati  per la produzione di abbigliamento, e in particolare del denim. Un’altra modalità sostenibile nel  fashion è la concezione del second-hand e del renting. Sempre più consumatori e aziende  scelgono di acquistare e vendere prodotti già stati utilizzati da altri: Di modo che un elemento  possa di nuovo “vivere” e on debba essere buttato. Oppure scelgono semplicemente di noleggiarli, soprattuto per occasioni speciali.

La vera svolta sta, però, nella realizzazione di  sfilate totalmente eco-sostenibili. Dimostrato per esempio dalla Copenaghen Fashion Week, che ha ridotto  l’impatto ambientale del 50% e ha adottato il 50% di tessuti organici e riciclati, rendendola  green al 100%. La sostenibilità è un fattore molto importante, da tenere a mente nel momento  in cui si vuole comprare, produrre e vendere prodotti del fashion. Ed è sempre più importante fare scelte consapevoli ed intelligenti perché anche i bisogni del futuro possano essere soddisfatti.

Come la moda sostenibile ha impattato sul settore del fashion?

Osservando alcuni dati  concreti, il mercato del fashion sostenibile a livello mondiale ha raggiunto un valore di 6,40
miliardi di dollari, ovvero 5,3 miliardi di euro. Dal 2015, la crescita annua è stata di circa il 9% e  non è previsto che diminuisca. Anzi, nel 2025 si stima che l’industria del green cresca fino a  quasi 10 miliardi di dollari, ovvero 8,3 miliardi di euro, con un tasso di crescita del 9,1%. Ad  oggi, tante potenze a livello mondiale hanno influenzato molto la convenzione al mercato  sostenibile, grazie a particolari iniziative governative.

Dalla Cina all’India che annunciano il loro piano di produzione sostenbile, coinvolgendo anche la produzione di abbigliamento. E mirano  verso una moda sostenibile che contribuisca ad un ambiente pulito. Poi ancora la Francia, che
si prefigge l’obbiettivo di diventare la capitale mondiale della moda green entro il 2024,  attraverso il progetto “Paris Good Fashion”. Insomma, anche per i grandi colossi sia a livello  economico sia a livello di prodotti moda, il sostenibile è diventato un fattore che non si può  tralasciare.  Rendendosi conto che è una causa per cui è importante battersi.

Dove acquistare sostenibile

La crescita della moda sostenibile ha contribuito inoltre all’aumento degli acquisti online. Su piattaforme  che si trovano esclusivamente in rete e che hanno la possibilità di vendere prodotti ecologici  senza avere un maggiore impatto sull’ambiente. Le piattaforme che si sono adattate a questa tipologia di fashion, in realtà, sono molto conosciute: Troviamo per esempio Zalando, che nella sezione Privé promuove acquisti ecologici. E poi FarFetch, che oltre ad aver sottoscritto la Carta delle Nazioni Unite per una moda più sostenibile, si impegna ad investire in progetti ambientali riguardo boschi  e foreste.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Altri siti sono, invece, meno conosciuti. C’è Gioosto, che promuove un’economia circolare per ridurre gli sprechi e valorizza l’ambiente e le persone. Oppure Il Vestito Verde, un sito itoda green

aliano che promuove marchi eco-sostenibili che utilizzano materie prime vegane, handmade e prodotte localmente. Esistono poi piattaforme ancora più green, in quanto vendono abbigliamento  accessori di brand di lusso e non, ma di seconda mano. Ancora Zalando, che ha una sezione  dedicata al second-hand. Vestiaire Collective, un rivenditore di prodotti di lusso già utilizzati, che  offre la possibilità di comprare ma anche di vendere. Nonché Vinted, uno degli ultimi nati, ma che ha avuto una crescita esponenziale. Un sito in cui si può trovare qualsiasi prodotto, di lusso e non, ma  che punta tutto sul riutilizzo e sull’economia circolare.

Avatar
Scritto da

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

innovazione

Le sneakers, trasformate in pista d’atletica e pavimentazione per parchi, cercano finanziamenti per la realizzazione del primo impianto di proprietà per l’upcycling. L’impianto sorgerà...

innovazione

Subito, la piattaforma  per vendere e comprare con oltre 13 milioni di utenti unici mensili, lancia TuttoSubito.  Ovvero il nuovo servizio di e-commerce che...

Advertisement
YouTube

Caricando il video, l'utente accetta l'informativa sulla privacy di YouTube.
Scopri di più

Carica il video

Newsletter


Advertisement

Ultime news

innovazione

I telefoni pieghevoli di Motorola non hanno avuto molto successo nonostante il loro design impressionante e l’iconico marchio Razr. I primi due telefoni Razr...

Italpress

TORINO (ITALPRESS) – Con l’arrivo della bella stagione si torna a riassaporare scampoli di normalità, come prendere un caffè seduto al bar o andare...

innovazione

Motorola sta lavorando ad un nuovo smartphone di punta con una fotocamera principale da 200 MP. Il telefono, nome in codice Frontier, è apparso...

Italpress

ROMA (ITALPRESS) – Un luogo di elaborazione e proposta sul ruolo complessivo del settore automotive e motoristico del nostro Paese, declinato nei suoi diversi...

innovazione

In occasione della Giornata Mondiale delle api, Oppo lancia Giüro x Oppo, una capsule collection di bracciali realizzata a mano. Da abbinare all’ultimissimo Oppo...

innovazione

Il nuovo Xiaomi Mi Band 7 verrà lanciato domani, ma è già possibile prenotarne uno sul sito JD.com. In realtà, ci sono due versioni:...

Copyright © 2020 Trameetech
Testata giornalistica online registrata il 29 dicembre 2021 al n. 238 del registro della Stampa del Tribunale di Milano