Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
Littler

News

I nuovi dati sul lavoro post Covid nel report annuale Littler

Littler è il più grande studio di diritto del lavoro in tutto il mondo. Ha annunciato i dati relativi alla quinta edizione del report annuala sul lavoro European Employer Survey. Studio di dati che certifica il cambiamento del lavoro in questi ultimi anni. I punti di vista riguardanti i pro e contro del lavoro da remoto. La crescita delle funzioni IA e di come viene usata sempre di più e infine anche le preoccupazioni legate alla macroeconomia.  

I dati del report Littler sul lavoro da remoto e in presenza

Negli ultimi anni ci sono stati molti cambiamenti nel mondo da lavoro, per esempio lavorare in remoto. Sono stati raccolti alcuni dei dati che dimostrano il desiderio di aumentare il lavoro in presenza e la garanzia di flessibilità necessaria per attrarre e trattenere i talenti. Il 30% ha dichiarato di avere effettuato un completo ritorno alla presenza. Il 27% ha optato per orari ibridi, più giorni in presenza e meno da remoto. L’11% dei dipendenti ha un orario ibrido con più giorni di lavoro da remoto rispetto. Infine il 5% dei dipendenti lavora solamente da remoto. 

“È incoraggiante osservare come quest’anno le esigenze di datori di lavoro e dipendenti siano più allineate rispetto allo stesso periodo dell’anno scorsocommentano Carlo Majer ed Edgardo Ratti, co-Managing Partner di Littler in Italia -. Tuttavia, il fatto che le aziende stiano ancora cercando di bilanciare i pro e i contro dei modelli di lavoro a distanza, ibridi e di persona, a due anni e mezzo dalla più grande trasformazione del mondo del lavoro causata dalla pandemia, è un chiaro indice di nuove e più complesse sfide che ci aspettano nella gestione delle risorse umane”.

Littler

Perché spingere i dipendenti al lavoro in presenza

Per Littler e il suo report sul lavoro molti dei datori di lavoro vorrebbero i propri dipendenti a lavorare in presenza, ma perché? Per ampliare maggiormente la cultura del dipendente e soprattutto il lavoro di squadra, tra cui una maggiore collaborazione tra team e stimolazione del pensiero creativo (54%) e un maggior impegno da parte dei dipendenti (48%), piuttosto che la produttività e i costi. 

“È naturale che chi ha provato il lavoro da remoto sia più riluttante a rinunciarvi” continua Stephan Swinkels, partner di Littler, con responsabilità di coordinamento a livello internazionale -. Questo significa che le aziende non possono non considerare la flessibilità per acquisire e trattenere nuovi talenti e dare valide ragioni per motivare il lavoro in presenza. Non è sufficiente l’intenzione di favorire una maggiore collaborazione, perché non possiamo dare per scontato che ciò avvenga solo perché le persone si trovano in ufficio: è compito dei datori di lavoro creare quest’opportunità”.

Molto importante è l’attenzione alla salute mentale e al benessere delle risorse umane.

“Occuparsi del benessere mentale e di condizioni di burnout sul posto di lavoro continua a essere una priorità per le aziendeaggiungono Majer e Ratti -. Gli orari di lavoro flessibili, ad esempio, rappresentano un passo nella giusta direzione, ma spesso non tengono conto dello stress e dei carichi di lavoro aggiuntivi che possono accompagnare il lavoro da remoto”.

I nomadi digitali

Le preoccupazioni che legano ad avere un “nomade digitale” nella propria azienda sono i rischi legali e altri problemi(89%). Questo perché il nomade digitale lavora da un Paese all’altro. Le aziende che hanno come dipendenti nomadi digitali, dagli ultimi dati sono in aumento del 73%  rispetto al 61% del 2021.

“I datori di lavoro sono naturalmente preoccupati per le implicazioni che può portare questa nuova modalità di lavoro, in particolare per le aziende che hanno sede nel Regno Unito dopo la Brexi – sottolineano Majer e Ratti -. Purtroppo, le aspettative dei dipendenti non sono allineate con la realtà del sistema legale globale, in quanto per i datori di lavoro è davvero impegnativo rendere il ‘lavoro da qualsiasi luogo’ una realtà”.

Sempre più usati le funzioni di intelligenza artificiale nel lavoro 

Nell’ultimo anno la maggior parte delle aziende ha usufruito di sistemi IA, esattamente il 61%. Credono che sia uno strumento importante per attrarre nuovi talenti.

“In un mercato del lavoro così sfidante, le aziende sempre più stanno ricorrendo a soluzioni di IA. Per attrarre nuovi talenti convincendosi della loro efficacia. Con l’aumento dell’utilizzo di questi strumenti, è importante adottare misure che siano conformi alla normativa e verificare che le applicazioni siano sviluppate sotto controllo legale e di compliance”.

Preoccupazioni per l’aspetto macroeconomico 

Circa un quarto (27%) di trova titubante nell’assunzione di nuove risorse per le preoccupazioni a livello macroeconomico. Il 37% sta valutando o attuando riduzioni di personale. Il report Littler sul lavoro, che è stato presentato in occasione della European Executive Employer Conference di Littler, tenutosi il 18 e 19 ottobre a Dublino, ha affrontato una serie di tematiche legate alla gestione delle risorse umane. L’impegno verso una maggiore parità retributiva, il divario di competenze e la conformità alle norme transfrontaliere sulla privacy dei dati.

 

Advertisement. Scroll to continue reading.

 

 

Photo by Samuel Bourke on Unsplash

Scritto da

Potrebbe interessarti

Audio

Jabra ha annunciato i nuovi auricolari Evolve2 Buds, il prodotto ideale per il lavoro ibrido e per tutti i professionisti. Infatti, sono progettati per...

News

Poly rafforza la collaborazione con Zoom con i nuovi telefoni aziendali Edge Serie E, ideali per migliorare gli ambienti di lavoro ibridi e la...

crowdfunding

Crescono gli investimenti per ampliare il turismo nei borghi italiani. Più di un miliardo di fondi dal PNRR (Piano nazionale di ripresa e resilienza)...

News

Lo smart working è il futuro del mondo del lavoro. Questo è quanto emerso da un’indagine effettuata da Digital Coach. Secondo l’indagine, sottoposta a...

Advertisement
YouTube

Caricando il video, l'utente accetta l'informativa sulla privacy di YouTube.
Scopri di più

Carica il video

Iscriviti alla Newsletter

Tutorials Point
Advertisement

Ultime news

Motor Tech

È iniziata ufficialmente questa settimana, all’Autodromo Nazionale Monza, la storia della nuova casa automobilistica 777 Motors. Fondata dall’imprenditore e collezionista Andrea Levy ha prodotto...

News

Arriva in Italia un nuovo brand di elettrodomestici per la pulizia della casa facili da usare. Da Vactidy insomma ecco dispositivi  convenienti e resistenti...

innovazione

Amazon per gli anziani: arrivo in Italia di Alexa Smart Properties for Senior Living,  un esempio di come la tecnologia possa dare un contributo...

Italpress

MONACO DI BAVIERA (GERMANIA) (ITALPRESS) – Torna la 3.0 CSL, uno dei modelli più iconici del marchio Bmw, combinando un design unico con un’esperienza...

innovazione

Huawei ha annunciato l’arrivo in Italia di Watch D, il primo wearable dell’azienda dedicato alla gestione e analisi completa dei parametri di salute. Rende...

innovazione

Moulinex l’azienda che realizza dispositivi per le casa tecnologici e innovativi, si espande con il nuovissimo Cookeo Touch WiFi color Acqua. Un’edizione limitata che...

Copyright © 2020 Trameetech
Testata giornalistica online registrata il 29 dicembre 2021 al n. 238 del registro della Stampa del Tribunale di Milano
P.IVA: 12562100961