Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
ricarica wireless evidenza

Ingegnere

Ve Lo Spiega L’ingegnere/6: La Ricarica Wireless

Nei giorni scorsi Xiaomi ha presentato la sua nuova mi Air Charge Technology. Il nuovo sistema di ricarica wireless che è in grado di ricaricare dispositivi in un’area di diversi metri. Una evoluzione molto rilevante per quanto riguarda la ricarica senza fili, che fino ad oggi ci ha permesso di alimentare i nostri dispositivi solo appoggiandoli a una basetta. Ma come funziona questa tipologia di ricarica?

ricarica 1

Induzione Elettromagnetica

Il principio fisico su cui si basa la ricarica wireless è l’induzione elettromagnetica. Il fenomeno dell’induzione elettromagnetica è stato scoperto e codificato in legge nel 1831 dal fisico inglese Michael Faraday. Esso è attualmente alla base del funzionamento dei comuni motori elettrici, alternatori, trasformatori, pick-up per chitarra magnetici, etc. La legge di Faraday, insieme a quella di Ampère-Maxwell, correla i fenomeni elettrici con quelli magnetici.

Il trasferimento di potenza dalla rete elettrica alla batteria del dispositivo oltre ad utilizzare l’elettricità (tensione e corrente) avverrà anche tramite l’utilizzo di un campo magnetico. Il passaggio di energia non avverrà quindi solo tramite un materiale conduttore come il cavo di rame ma anche in aria.

Il caricatore ad induzione

Un caricatore a induzione si compone solo di poche parti: una connessione alla rete elettrica domestica (AC), un oscillatore elettronico, e una bobina di trasmissione.

ricarica 2

fonte: Real Engineering

L’oscillatore elettronico è un componente che è un grado di generare un’onda a una certa frequenza. Questa può variare a seconda dei produttori e degli standard adottati, ad esempio per lo standard QI la frequenza di risonanza è tra i 110 e i 205 kHz per i caricatori fino a 5W e tra gli 80 e i 300 kHz per i caricatori a potenza più alta.

ricarica 7

L’oscillatore crea una corrente alla frequenza di risonanza che si immette nella bobina.

La bobina è formata da un filo di rame avvolto su sé stesso in modo da avere un determinato numero di avvolgimenti. Il passaggio della corrente nella bobina determina la formazione di un campo magnetico (legge di Ampère-Maxwell). Il campo si trasmette nell’aria fino ad arrivare alla bobina presente nel dispositivo. A questo punto il flusso del campo magnetico che si concatena nella bobina determina la formazione di una tensione elettrica ai capi del filo di rame e quindi il trasferimento di energia. La quale può essere accumulata nella batteria.

ricarica 3

In questo modo la potenza del campo magnetico è stata riconvertita in potenza elettrica seguendo la legge di Faraday.

Efficienza

I due parametri importanti per l’induzione elettromagnetica sono l’area del foro della bobina e il numero di avvolgimenti. Più grande sarà il foro della seconda bobina maggiore sarà il flusso concatenato. Questo determina che poiché i dispositivi sono di dimensioni contenute non è possibile fare una bobina con area molto grande. Questo determina una diminuzione dell’efficienza, che nei caricatori attuali è circa del 60%.

Advertisement. Scroll to continue reading.

ricarica 5

In termini di efficienza è molto importante anche la distanza dei dispositivi, maggiore sarà la distanza maggiore sarà il flusso magnetico che si disperde nell’ambiente e non si concatena nel foro della bobina, provocando così una diminuzione di efficienza

Induzione elettromagnetica a grande distanza

Il nuovo dispositivo di Xiaomi dovrebbe invece essere in grado di ricaricare i dispositivi anche a grande distanza (3/5 metri). Questo è possibile tramite l’utilizzo del Beamforming: tramite l’utilizzo di un array di antenne e lo sfasamento dei segnali è possibile creare dei fronti d’onda costruttivi in una determinata direzione. Lo smartphone riesce quindi a comunicare la propria posizione nella stanza al caricatore ed esso  manda un campo magnetico direzionato proprio verso lo smartphone, permettendo al campo di concatenarsi con le bobine presenti nel telefono e permettendo la ricarica.  Si può immaginare quindi come un raggio di energia che il caricatore spara verso lo smartphone.

La tecnica del beamforming è utilizzata anche nelle antenne 5G, di cui ho parlato nel mio precedente articolo.

Marco De Pace
Scritto da

Potrebbe interessarti

Audio

Audio Pro, azienda svedese che dal 1978 concentra la sua attività nella produzione di speakers attivi con funzionalità wireless, ha presentato sul mercato due...

Audio

Wiko, con una Flash Promo, da oggi al 9 maggio, anima l’e-store italiano del brand con uno sconto del 30% per i nuovi WiBUDS...

News

Explore Scientific, brand americano specializzato in dispositivi meteo, amplia il suo portfolio e porta in Italia due nuovi prodotti. Un pluviometro Wireless e un...

Audio

Bang & Olufsen ha presentato Beolab 28, il suo più recente diffusore wireless. Che combina il meglio della tecnologia acustica con la comodità di...

Advertisement

Newsletter


Advertisement

Ultime news

Audio

Audio Pro, azienda svedese che dal 1978 concentra la sua attività nella produzione di speakers attivi con funzionalità wireless, ha presentato sul mercato due...

News

Un nuovo operatore virtuale di rete mobile 100% Made in Italy: si chiama Feder Mobile ed è di proprietà di Claudio  Barbagallo. Imprenditore che...

News

Dopo il lancio dello scorso anno, OPPO Watch torna disponibile in Italia. Lo si può trovare ora nella versione da 46mm WiFi e nlla...

Italpress

La nuova generazione di Piaggio Beverly arriva nelle principali piazze italiane per un esclusivo “giro d’Italia” di test ride, che prenderà il via da...

innovazione

Spotify ha introdotto nuove funzioni per condividere musica e podcast sui social via mobile. Che sia da un dispositivo iOS piuttosto che Android.  Nell’ultimo...

News

Babbel, l’app che aiuta a imparare le lingue, annuncia il lancio di una serie di nuove esperienze. Al centro di tutto Babbel Live, una...