Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
abbonamento condiviso

News

Abbonamento Tv condiviso: con Together Price è possibile (e lecito)

In questi giorni è scoppiato il caso Dazn, che pareva intenzionata a bloccare la possibilità allo stesso abbonamento di  consentire a due utenti di essere in luoghi diversi. La notizia, oltre ad avere una grande eco mediatica, ha portato alla ribalta il problema della condivisione dei contenuti. Ma in realtà si può ottenere lecitamente un abbonamento condiviso grazie a un servizio come quello di Together Price.

toghether price abonamento condiviso

Toghether Price, il sito di condivisione di contenuti in streming

Alla fine la tv via web sportiva a pagamento per ora non ha dato seguito alla questione, specificando però una clausola già presente nell’abbonamento. Ossia che gli utenti del servizio devono anche essere dello stesso nucleo famigliare. Ci sono però alcuni servizi via web che permettono di essere condivisi. E c’è anche un sito, appunto quello di Together Price, che mette in contatto gli abbonati desiderosi di condividere e chi è interessato ad abbonarsi a prezzi ridotti.

La pratica, ha puntualizzato la startup creata in Italia con ambizioni di aprire presto anche all’estero in Spagna e negli Usa, non è vietata. Anzi. Sarebbe ben accetta dai siti Ott che lo permettono. Il motivo? Favorirebbe la fidelizzazione degli utenti. Che, con un piccolo esborso, potrebbero fruire di più servizi. 

Tra  quelli maggiormente condivisi sul sito c’è Sky Now cinema, Netflix nella versione Premium ma anche Office 365. E il risultato è quello di spendere 3 o 4 euro al mese al posto di 15 o 20.  Niente da fare invece per uno di quelli più richiesti come Spotify. Che permette di condividere l’abbonamento ma soltanto con i propri familiari e come prova bisogna indicare l’indirizzo di residenza.

Il business da miliardi di dollari

Ma dove guadagna Together price? Ebbene prende una percentuale sul pagamento di chi condivide che riceverà dunque un pò meno di quanto pagato. In compenso il meccanismo è molto semplice e il pagamento a fine mese è comunque assicurato perchè prelevato dalla carta di credito direttamente dal sito.

Negli Usa la pratica è molto diffusa visto che ci sono moltissimi servizi a pagamento in rete. Una ricerca parla di un mercato che nel 2020 ha generato ben 22 miliardi di dollari di ricavi sul mercato americano. E la condivisione potrebbe anche essere un modo per aumentare il giro di affari. Tanto che Hbo, un gigante Usa della tv a pagamento, sta pensando di dare agli utenti la possibilità di fare appunto un abbonamento condiviso.

Advertisement. Scroll to continue reading.
Avatar
Scritto da

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

News

Il settore come l’intrattenimento digitale sta conoscendo una crescita veramente impressionante nel corso degli ultimi anni, anche per merito della possibilità di giocare dal...

Interviste

Europei di calcio, tempo di pirati. Nel senso che i grandi eventi dello sport in streaming, generano pirateria e un business fuorilegge in crescita....

Fuori di Tech

DAZN ha interrogato i tifosi d’Italia per capire in che modo vivono la pausa natalizia dagli sport del cuore. Il ritratto che emerge è...

innovazione

Huawei ha annunciato, per la gioia di tutti gli appassionati di sport, la disponibilità dell’app DAZN su tutti i device Huawei. L’app DAZN disponibile...

Advertisement

Newsletter


Advertisement

Ultime news

slider

Samsung ha annunciato di aver venduto più di un milione di unità di “The Frame” nel corso di quest’anno. Un risultato che segna una...

innovazione

iospedisco.it, realtà innovativa con un’esperienza decennale nella logistica e nelle spedizioni, lancia un nuovo servizio all’avanguardia dedicato alle aziende. Si tratta di PRO, un...

Italpress

ROMA (ITALPRESS) – Si è tenuta a Roma l’assemblea di Città dei Motori per il rinnovo delle cariche sociali. Il risultato dell’elezione, in modalità...

Recensione

Abbiamo parlato in questo articolo di Motorola Defy, lo smartphone rugged commercializzato grazie a Bullitt. La recensione, come sempre esaustiva, è in questo video...

News

A settembre Samsung svelava ISOCELL HP1, il primo sensore fotocamera da 200 Megapixel. Finora non si avevano informazioni su potenziali utilizzi futuri. Ma un...

Italpress

TORINO (ITALPRESS) – In attesa delle prime full-electric annunciate dal presidente Toshihiro Suzuki nel 2025, la casa giapponese continua a rinnovare la sua gamma...