Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
Windows 10

Security

Le minacce alla sicurezza di Windows sono un mito? Come proteggersi dal pericoli degli attacchi online?

Diciamo la verità: chi di noi legge davvero tutte le norme sulla privacy che accettiamo ogni volta che accediamo a un nuovo sistema operativo? Praticamente nessuno. Ci fidiamo dell’azienda che ci garantisce un alto grado di privacy. E lo fa in assoluta buona fede, visto l’impegno che mette nel difendere gli utenti dagli attacchi esterni. Eppure… Insomma: parliamo spesso di sicurezza in questo sito, ma quanto ne sappiamo davvero di antivirus riguardo a Windows 10? Ecco la risposta.

Windows 10 e la sicurezza

Tutto quello che non sappiamo

In questi ultimi anni Microsoft ha fatto un duro lavoro per migliorare il proprio sistema operativo. E il fatto che Windows 10 sia costantemente aggiornato ci fa stare spesso tranquilli sul fatto che i nostri computer siano al sicuro. Purtroppo però la quantità di dati necessari a farsi che il sistema risposta ai nostri comandi, non ci mette completamente al riparo da attacchi esterni.

In un articolo del 2016 del portale italiano di sicurezza informatica Algoround già si faceva capire come il lavoro degli sviluppatori di Redmond fosse complesso. E di quale fosse il grado di poca conoscenza degli utenti riguardo alle richieste del sistema.

Privacy ma non troppo

Per esempio: molte applicazioni Microsoft richiedono i dati personali degli utenti per funzionare. L’app Mappe che traccia la nostra posizione dell’utente, così come l’assistente virtuale Cortana. Tracciano, s’intende, per funzionare meglio.

E poi: Microsoft si riserva il diritto di memorizzare il numero di telefono, l’indirizzo e-mail e l’indirizzo geografico dell’utente. Anche per garantire un corretto e non invasivo invio delle informazioni pubblicitarie. L’azienda infatti quelle che si chiamano “pubblicità basate sugli interessi” e assegnando un ID annunci a ogni singolo utente, Windows 10 facilita la raccolta e la condivisione di questi dati.

Insomma: ci sono sistemi inseriti nel sistema per disattivare questa intrusione nella nostra quotidianità. Ma quanti di noi sanno usarli?

La comparazione degli antivirus

Windows 10 è dunque sicuro, ma non completamente. Miglioramenti sono stati fatti nel corso degli anni, eppure ancora oggi è necessario dotarsi di un buon antivirus per risolvere il problema.

Per evitare di sbagliare la scelta, bisogna dire innanzitutto che esistono dei servizi che permettono di fare confronti tra i vari antivirus disponibili sul mercato. E potete facilmente confrontare i vostri preferiti qui.  Consentono una rapida consultazione, con confronti one-to-one già preparati tra i brand più conosciuti, ma anche con la possibilità di personalizzare la ricerca. Per avere alla fine un quando complessivo più affine alle proprie esigenze.

Il Windows Defender Security Center

D’altronde nonostante l’arrivo a fine 2019 del Windows Defender Security Center, non tutti i possibili attacchi sono coperti integralmente. Il centro sicurezza è abbastanza ampio e copre 5 sezioni (protezione da virus, prestazioni e integrità, firewall, controllo app e browser, opzioni famiglia).

Ma come si può immaginare, la sofisticazione degli attacchi hacher possono aggirare i blocchi. Si tratta in definitiva di uno strumento davvero semplice da usare, soprattutto per i principianti. Ma non definitivo.

La falla in Windows 10

Una dimostrazione è la falla scoperta da alcuni esperti informatici nei primi mesi dell’anno che ha rischiato di mettere in pericolo gli utenti di Windows 10. In pratica era possibile essere attaccati da remoto da un malware, con il rischio di avere in crash l’intero sistema operativo.

In particolare i cybercriminali avevano vita facile nel mettere in pratica i pericolosi attacchi DDoS. Grazie a un bug che rientrava all’interno dei cosiddetti zero-day, virus e falle sconosciute agli sviluppatori e che sono sfruttate dagli hacker.

Il problema si manifestava nella gestione del SMB, un protocollo usato per la condivisione di file e stampanti. E tutto questo giusto subito dopo il lancio di Defender Advanced Threat Protection, lo strumento di difesa integrato in Windows 10 Enterprise.

Gli allarmi del Patch Tuesday

Ogni mese di martedì Microsoft avvisa i suoi utenti sui rischi di nuove falle e mette a disposizione delle “patch”, ovvero delle toppe, grazie ad aggiornamenti continui. Decine e decine di interventi per garantire una difesa al sistema. Nonostante questo però nuovi problemi vengono scoperti dalle aziende che lavorano nel campo della privacy.

Spesso gli attacchi riguardano infrastrutture importanti per la sicurezza di tutti. Recentemente, per esempio, sono state individuate falle importanti nel DNS di Windows. Vulnerabilità che avrebbe consentito a un hacker di effettuare query DNS dannose al server DNS di Windows. E quindi di ottenere un’esecuzione arbitraria del codice che avrebbe portato alla violazione dell’intera infrastruttura.

La risposta di Microsoft

L’intervento di “riparazione” è stato tempestivo. Ma la stessa Microsoft, nella richiesta di fare un immediato aggiornamento, ha avvisato i suoi utenti di procedere a una serie di accorgimenti, “utilizzando un fornitore di terze parti per proteggere l’infrastruttura IT aziendale”.

La dimostrazione insomma che per un sistema di sicurezza davvero efficace, l’azienda non può fare da sola ma si deve affidare a partner competenti. E quindi ad antivirus che garantiscano protezione.

Quale (e come) scegliere

Trovare l’antivirus che fa per voi a questo punto non è sempre facile. Dipende dalle esigenze personali, familiari, aziendali. Non tutti i pc, così come le infrastrutture, sono uguali. Esistono delle regole generali, ma poi bisogna scendere nel dettaglio.

Di norma si può dire che la caratteristica principale da verificare è prima di tutto l’efficacia della protezione in tempo reale, vale a dire il numero di minacce che gli antivirus sono capaci di bloccare quando attivi sul Pc. Vengono poi conteggi i falsi positivi, ovvero le segnalazioni di presunte minacce informatiche che si sono rivelate infondate.

Successivamente deve essere verificato l’impatto che gli antivirus hanno sulle prestazioni del computer. E considerando tutte queste “variabili”, il miglior prodotto è dunque quello che riesce a garantire il più elevato grado di protezione. Senza però gravare molto sulle performance del sistema e senza segnalare un eccessivo numero di falsi positivi.

La comparazione

Per fare questo appunto è però meglio dotarsi di un ottimo servizio di comparazione. La sicurezza totale di Windows 10 è un falso mito e la stessa azienda che produce il sistema operativo ne è cosciente. Farsi guidare nella scelta è la cosa migliore. Soprattutto se, come nel caso dei servizi a disposizione, tutto avviene in modo chiaro e semplice.

 

Advertisements
Marco Pietro Lombardo

giornalista appassionato di tutto quanto fa tecnologia, caporedattore del quotidiano Il Giornale

Potrebbe interessarti

News

In questi giorni ha tenuto banco il caso WhatsApp. Ovvero il fatto che l’azienda abbia cambiato i termini che riguardano la privacy, permettendo così...

News

Sicurezza prima di tutto. Soprattutto in quedsto periodo di pandemia in cui i nostri pc sono sottoposti ad attacchi informatici, mirati e pericolosi. Nel...

Coronavirus

Alessandro Papini, Presidente di Accademia Italiana Privacy, fa il punto sulla tutela della riservatezza delle informazioni personali nella raccolta di dati legata alla pandemia...

innovazione

Durante la Smart Home League, Yale ha presentato il suo nuovo prodotto: Linus. Si tratta di uno Smart Lock che consente agli utenti di...

Advertisement

Ultime news

innovazione

Un nuovo format di talk per mettere al centro della narrazione i nuovi temi dell’education. Questa è l’idea di Junior Achievement, che mette online...

innovazione

Haier Smart Home, con i brand Haier, Candy e Hoover, è ancora una volta il primo gruppo di grandi elettrodomestici al mondo. Secondo la...

Audio

Cambridge Audio ha presentato DacMagic 200M, il nuovo stato dell’arte della sua tecnologia di conversione digitale-analogico. Il suono “Artist approved” di DacMagic 200M Dotato...

innovazione

Amazfit ha presentato al CES 2021 una serie di prodotti e tecnologie innovative in molteplici categorie. La nuova linea di prodotti Amazfit allarga la...

innovazione

InfoJobs ha rilasciato il proprio Osservatorio sul Mercato del Lavoro nel 2020: sono state 366.000 le offerte di lavoro pubblicate sulla piattaforma, dato che corrisponde a un calo del -24,8%...

News

In occasione del CES appena concluso, oltre alle soluzioni e dispositivi progettati per supportare ambienti di lavoro ibridi, HP ha presentato anche alcuni nuovi PC business e...