Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
web tax europea

innovazione

Web tax europea: la decisione entro metà luglio

Si sente molto parlare di web tax europea. Cioè dell’introduzione di una tassa sui servizi digitali entro metà del 2021. Lo ha chiesto il Parlamento europeo in una risoluzione approvata in sessione plenaria con 549 voti favorevoli, 70 contrari e 75 astensioni. Vediamo di che cosa si tratta.

La web tax europea e come si muove l’Unione

Secondo la risoluzione sulla web tax europea “le norme fiscali internazionali stabilite all’inizio del XX secolo non sono adatte all’economia digitale” e “un’aliquota minima di imposta sulle società è urgentemente necessaria a livello internazionale”. Per gli eurodeputati infatti  “le tasse dovrebbero essere pagate dove il valore è realmente creato”.

In pratica l’ergomento è stato a lungo sottovalutato durante questo periodo di trasformazione digitale. Con una tassazione che non è in linea con quanto richiesto alle aziende del settore tradizionale, problema che si ancor di più evidenziato durante la pandemia.  “La parità di trattamento fiscale non è solo equa, ma è anche necessaria per una concorrenza leale – ha detto l’eurodeputato tedesco del Partito Popolare europeo, Andreas Schwab, co-responsabile del testo – . Nella risoluzione si forniscono linee guida chiare e semplici su come smettere di tassare in modo diverso le imprese digitali e quelle tradizionali”.

Come cambiare la tassazione

Per ridurre l’elusione fiscale e rendere le tasse più eque, l’Europarlamento chiede che sia fissata un’aliquota fiscale minima effettiva a un livello equo. E che sia sufficiente per scoraggiare il trasferimento degli utili e prevenire una concorrenza fiscale dannosa.  Come esempio di  prende la recente proposta dell’amministrazione Biden negli Usa di un’aliquota fiscale globale del 21% sulle società. Allo stesso modo, in campo digitale per gli eurodeputati è necessario “pagare più tasse dove si crea valore, concetto da sempre alla base della tassazione, piuttosto che dove le aliquote sono più basse”.

“I grandi attori digitali non possono avere un vantaggio ingiusto rispetto alle Pmi. Abbiamo la responsabilità morale di garantire che le multinazionali digitali contribuiscano con la loro giusta quota. Proprio come tutte le altre società e cittadini”, ha evidenziato il liberale ceco Martin Hlaváček, secondo co-relatore del testo. Aggiungendo che “sebbene la questione possa essere risolta al meglio a livello internazionale, questo deve essere l’ultimo tentativo: o c’è un accordo entro l’estate all’Ocse oppure l’Ue deve adottare la propria strategia”.

web tax Paolo GentiloniLa decisione entro luglio

Il Parlamento è determinato a trovare una soluione sulla web tax europea entro il G20 di luglio. “Un anno fa un accordo sulla tassazione delle multinazionali sembrava praticamente impossibile – ha detto il Commissario all’Economia Paolo Gentiloni-. Oggi siamo sul punto di raggiungere un accordo globale senza precedenti, che consentirebbe di definire la tassazione sul prossimi decenni e che coinvolgerebbe circa 10 multinazionali”.

L’intento, dice Gentiloni, è di creare un sistema fiscale equo e giusto: “Sulla tassazione la Commissione europea formulerà una sua proposta subito dopo l’accordo internazionale a livello di G20, posto che l’accordo arrivi cosa che non è acclarata al 100%. Probabilmente l’incontro decisivo sarà quello dell’Inclusive Framework (dell’OCSE, ndr) a fine giugno. Poi è abbastanza possibile che si arrivi all’adozione da parte del G20 il 13 luglio a Venezia”.

Advertisement. Scroll to continue reading.
Avatar
Scritto da

Potrebbe interessarti

News

La fine dell’emergenza fa tornare in primo piano gli effetti della Brexit. In questo caso riguardo ai roaming telefonico in Gran Bretagna. L’operatore mobile...

Security

Google Wifi è uno strumento utile ad aumentare e stabilizzare il segnale Wifi nelle nostre case.  La novità è che ora Google Wifi ha...

innovazione

Il governo italiano ha autorizzato Vodafone Italia a utilizzare l’atterzzatura di Huawei per la sua rete RAN 5G. L’accordo tra le società sarà però...

Green Tech

L’emergenza attuale ha completamente cambiato le nostre abitudini. Ne abbiamo ormai parlato molte volte, soprattutto di come molte persone si sono trovare in difficoltà...

Advertisement

Newsletter


Advertisement

Ultime news

Italpress

MILANO (ITALPRESS) – Un’efficienza energetica all’avanguardia, un risparmio economico considerevole e l’iconico piacere di guidare si combinano nei nuovi modelli ibridi plug-in entry-level della...

Fuori di Tech

Siamo ancora qui in ballo, per capire come sarà il dopo pandemia. Anche perché il Covid-19 ci ha fatto virare sempre di più verso...

Coronavirus

Dal prossimo 6 agosto scatta l’obbligo di green pass per accedere a locali e servizi al chiuso. Per poter verificare la validità del certificato...

innovazione

L’intelligenza artificiale è ormai nelle nostre vite e Google vuole renderla ancora più umana.  Google Duplex infatti è un assistente virtuale dotata di un’intelligenza...

Audio

HMD Global annuncia tre telefoni e un nuovo portfolio audio firmati Nokia.  Con Nokia XR20 che si annuncia come uno smartphone resistente, uno dei...

News

Come riporta Japan Today, l’Università di Tokyo e IBM hanno iniziato le operazioni per la produzione del primo computer quantistico ad uso commerciale del...