Uber sta cambiando. Sta diventando un’azienda che vuole cambiare la mobilità e non solo un fornitore di servizi. Una visione ampia, annunciata oggi a San Francisco. E la novità principale è l’arrivo della nuova generazione dell’app che raccoglierà tutti i servizi Uber in un unico spazio.

Uber mette tutti i servizi in una sola app

Un’app Uber per tutto

Il sistema operativo per la vita quotidiana

L’ambizione è grande: qualunque sia la città e qualsiasi cosa serva, diventare il servizio di riferimento. Uber d’altronde ha iniziato con le corse su richiesta, ma è arrivata ad offrire accesso a tutto. Dalla consegna del cibo alle biciclette elettriche, fino agli scooter. Ed anche se in Italia ci sono passi in avanti ancora da fare, intanto per esempio si sta sempre di più integrando il trasporto pubblico nell’app. E in alcune città  c’è anche il servizio di trasporto via elicottero. La prossima generazione dell’app diventerà un nuovo modo per scoprire, accedere e sperimentare il crescente numero di servizi disponibili. E quindi tutte le opzioni Rides, Eats e altre, saranno tutte in un uncio posto.  L’applicazione è già in fase di test in centinaia di città statunitensi e internazionali. 

Tecnologie per la sicurezza

Uber ha anche annunciato una nuova tecnologia che sta sviluppando e che continuerà ad alzare il livello di sicurezza. E a fissare lo standard per l’industria della condivisione delle corse. Per esempio “Verifica la tua guida”: per essere sicuri di salire sull’auto giusta, si potrà scegliere di ricevere un PIN unico a quattro cifre da fornire verbalmente all’atista. Che sarà in grado di iniziare il viaggio nell’applicazione solo dopo aver inserito il PIN corretto. Si sta anche sviluppando una nuova tecnologia che utilizza onde ultrasoniche per verificare automaticamente che il cliente sia nella macchina giusta.

Poi c’è la “Segnalazione in viaggio”: i driver vedranno un’opzione “Segnala incidente di sicurezza” nel loro toolkit (l’icona blu scudo) che permetterà loro di segnalare un problema al  team di Uber. Negli Usa ci sarà un’opzione per inviare un messaggio di testo automatico al numero di emergenza 911 nelle città e contee che supportano questa tecnologia. Il controllo ID in tempo reale verrà migliorato per garantire che il conducente al volante corrisponda all’account del nostro sistema. Dopo i selfie di base verrà analizzato una serie casuale di movimenti di base del guidatore (sbattere le palpebre, sorridere e/o girare la testa)  per aggiungere un altro livello di sicurezza. Infine ecco “Avviso di piste ciclabili” in oltre 200 città in tutto il mondo. Per far sì che chi guida stia attenti ai ciclisti prima di aprire la porta.

I nuovi servizi per Uber Eats

A San Francisco è stato anche annunciato un abbonamento mensile che garantisce risparmi all-in-one. Come la protezione del prezzo del viaggio e consegna gratis per i clienti di 10 città che utilizzano il rideshare, Uber Eats e, per un periodo di tempo limitato, le nostre biciclette e scooter. Opzioni che completano il Ride Pass, disponibile in 40 città. Si sta espandendo anche Uber Rewards per consentire ai clienti di guadagnare punti riscattabili ogni volta che fanno un giro in Uber o ottengono Uber Eats.

Vengono lanciati nell’app una serie di filtri antiallergici che renderanno più facile per milioni di persone con allergie o restrizioni dietetiche ordinare più efficacemente. Quando si sceglie un piatto, è possibile comunicare facilmente la propria allergia o restrizioni dietetiche ai ristoranti attraverso l’applicazione. Se un ristorante non è in grado di soddisfare una richiesta, può inviare un messaggio e fornire l’opportunità di ordinare un altro articolo che si adatta alle esigenze. Arriva anche il primo ristorante virtual in partnership con Rachael Ray.

Novità per i driver

Uber introdurrà un calcolatore di guadagni per aiutare gli autisti a prevedere meglio il loro potenziale. Nonché una nuova Demand Heatmap che evidenzia le aree in cui più driver richiedono viaggi. E migliori previsioni su quando gli automobilisti possono aspettarsi una chiamata. Un’altra fuzione è Back to Busy Area. Se un’autistata completa un viaggio in una zona tranquilla, può attivare questa opzione per aiutare a filtrare le richieste di viaggio nella direzione di sua scelta.

Non solo auto

La  nuova generazione di biciclette e scooter JUMP è dotata di batterie intercambiabili di facile utilizzo. Per rendere più facile trovare la batteria piena, ci sarà il nuovo JUMP Charging Kiosk. Che vi permetterà di sostituire una batteria a bassa carica con una nuova, in movimento. Le nuove biciclette, scooter e infrastrutture di ricarica sostituibili a batteria saranno in città selezionate dal prossimo anno. A partire da ottobre  invece si inizierà a mostrare le biciclette e gli scooter sulla mappa all’interno dell’app Uber in tutte le 28 città in cui sono già  disponibili.

Riguardo invece le consegne di cibo (recentemente è stata completata la miliardesima nel mondo), saranno ridotti gli sprechi di plastica e cibo. Bisognerà espressameamente richiedere cannucce, utensili e altri articoli per il servizio quando si effettua l’ordine. E con ristoranti che usano Uber Eats sarà organizzata una raccolta di cibo in eccesso che verrà donato a 200 banche alimentari e 60.000 dispense alimentari.

Un piattaforma per le idee

Uber si apre agli imprenditori sia all’interno che all’esterno di Uber. Grazie a Uber Incubator, ci sono diverse opzioni. Per esempio un nuovo programma semestrale Entrepreneur in Residence, aperto sia ai dipendenti Uber che ai candidati esterni. Dove gli imprenditori possono lavorare a stretto contatto con il team di Incubator per trasformare le loro idee in aziende sulla piattaforma Uber. E poi l’aiuto concreto alle  startup in fase iniziale che stanno assumendo rischi intelligenti e vogliono sfruttare i punti di forza della piattaforma per scalare le loro attività. Per informazioni c’è il sito http://t.uber.com/incubator.

Tags: , , ,
Marco Pietro Lombardo
giornalista appassionato di tutto quanto fa tecnologia, caporedattore del quotidiano Il Giornale

Articolo Correlato