Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
Trump contro Huawei

innovazione

Trump contro Huawei: nasce il “5G americano”

La guerra di Donald Trump contro Huawei continua a non viaggiare verso una tregua. Anzi. La notizia infatti è che l’amministrazione americana ha alzato lo scontro a un nuovo livello, sfidando il colosso di Shenzen sul suo campo. Quello della tecnologia avanzata. Il  governo ha infatti messo attorno a un tavolo giganti dell’hi-tech come Microsoft, Dell e At&T per lo sviluppo di un software che sia in grado di ridurre il dominio del concorrente cinese.

Trump contro Huawei, nuovo atto

Il 5G fatto in casa (o quasi)

L’obbiettivo di Trump resta quello di evitare che Huawei possa usufruire del suo vantaggio nello sviluppo della rete 5G per prendere il controllo dei sistemi di sicurezza dell’Occidente. «Il  grande disegno – ha spiegato in una intervista al Wall Street Journal, Larry Kudlow, consigliere economico della Casa Bianca – è fare in modo da avere un’architettura e una infrastruttura del 5G costruita da aziende statunitensi», e coinvolgere in questo progetto anche Nokia e Ericsson, negli Stati Uniti «largamente presenti».

L’azienda che si è subito fatta avanti per centrare è Dell. E il suo fondatore, Michael Dell, ha affermato che il “software è più importante dell’hardware” e che potrebbe addirittura «mangiarsi» quest’ultimo. Così Dell e Microsoft sono “già impegnati a sviluppare rapidamente un software che riuscirà a rimpiazzare un bel mucchio di componenti”.

La risposta cinese

Huawei non resta però con le mani in mano. Dopo aver ottenuto un via libera condizionato dalla Gran Bretagna e dall’Europa per la creazione della rete superveloce, ha annunciato che realizzerà in Europa dei centri di produzione per realizzare il 5G. Lo ha detto Abraham Liu, rappresentante principale del colosso cinese tlc presso le istituzioni europee. Sottolineando l’obiettivo di realizzare “un 5G per l’Europa prodotto in Europa”.

La sfida Trump contro Huawei si preannuncia insomma ancora lontana dalla conclusione. Con il produttore asiatico che sta mettendo a punto il suo Mobile Services con ingenti investimenti. Obbiettivo poter fare a meno di Google e aggirare così il ban del presidente americano.

giornalista appassionato di tutto quanto fa tecnologia, caporedattore del quotidiano Il Giornale

Potrebbe interessarti

Iscriviti alla Newsletter

Tutorials Point
Advertisement

Ultime news

News

Samsung annuncia la sua partecipazione al Fuorisalone 2024, in programma dal 16 al 21 aprile, con un’installazione unica all’interno delle Cavallerizze del Museo Nazionale...

Italpress

MILANO (ITALPRESS) – Range Rover sceglie il palcoscenico della Design Week, per aprire le porte della Range Rover House Milano. Immerso nel cuore della...

telefonia

Motorola alza il tiro con la sua nuova famiglia di smartphone edge 50, composta da tre modelli: edge 50 ultra, edge 50 pro e...

Italpress

TORINO (ITALPRESS) – La Alfa Romeo Milano non arriverà mai in concessionaria. Il nuovo B-Suv del Biscione presentato solo giovedì scorso, infatti, si chiamerà...

Italpress

RIMINI (ITALPRESS) – Si è svolto a Rimini il Folgore Day: un evento che, nell’anniversario dei 110 anni di Maserati, segna ufficialmente l’ingresso nella...

Italpress

TORINO (ITALPRESS) – “Il rinascimento di Lancia è partito dall’Italia con nuova Lancia Ypsilon. Da sempre il marchio è simbolo di stile ed eleganza...

Copyright © 2023 Trameetech
Testata giornalistica online registrata il 29 dicembre 2021 al n. 238 del registro della Stampa del Tribunale di Milano
P.IVA: 12562100961