Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
spazzolino elettrico

Green Tech

Oral-B iO 6, lo spazzolino elettrico che fa bene ai denti e al pianeta

Benessere e sostenibilità in un mondo sempre più (inter)connesso. A questa regola non fa eccezione certo il mondo della cura personale, e l’esempio arriva dal maggiore produttore di spazzolini elettrici. Che al Mobile World Congress ha messo l’accento sul suo spazzolino elettrico Oral-B iO 6, un dispositivo che non solo serve per pulire i denti. Ma che grazie ai suoi sistemi di intelligenza artificiale estende i benefici a tutto il corpo.

spazzolino elettrico Oral-B iO 6Lo spazzolino elettrico Oral-B iO 6

La bocca e il sorriso sono lo specchio della salute del corpo, e lo spazzolino elettrico è l’arma per mantenere un corpo sano. Le malattie orali colpiscono infatti quasi 3,5 miliardi di persone in tutto il mondo ed è di fronte a questo dato che l’azienda vuole promuovere la connessione invisibile tra salute orale e benessere di tutto il corpo. Per aumentare la consapevolezza delle persone.

Il brand che ha aperto la strada al futuro dello spazzolino elettrico e connesso, ha stretto una collaborazione con Scientific American e la sua Custom Media Division. Con lo scopo di esplorare le ultime ricerche che collegano la salute orale con la salute generale del corpo. E comunicare alle persone l’impatto che le malattie parodontali croniche possono avere su malattie sistemiche più ampie.

La storia dello spazzolino elettrico

Nel 1991, Oral-B realizza il primo spazzolino elettrico. Oggi il brand registra una quota di mercato a valore del 90% e ha portato la penetrazione di questo device al 21%. Registrando un + 8% negli ultimi 5 anni. Ovvero +3.8 milioni di utilizzatori. Negli ultimi 12 mesi la categoria spazzolini elettrici è cresciuta del 64% in Italia. Ed è stata guidata dagli spazzolini Oral-B che hanno registrato un +65% nelle vendite a valore rispetto all’anno precedente.

Quest’anno, la gamma Oral-B si amplia ulteriormente con l’arrivo del nuovo spazzolino elettrico connesso allo smartphone Oral-B iO 6. Ha un design elegante e uno display per adattare l’uso all’utente, che calcola i due minuti che servono per una pulizia ottimale. Inoltre possiede una tecnologia che combina la testina rotonda Oral-B ispirata agli strumenti del dentista con setole micro-oscillanti per una sensazione di pulito professionale e un’esperienza di spazzolamento delicata. Le capacità potenziate di monitoraggio con l’Intelligenza Artificiale e tracciamento denti in 3D offrono agli utenti una guida personalizzata. Comunicando via app passo per passo la modalità di spazzolamento corretta, per un risultato ottimale della propria salute orale.

Il benessere del corpo

Come detto diverse ricerche dimostrano che una cattiva salute orale può portare a gravi condizioni e malattie. Per questo motivo è importante prestare molta attenzione ai primi segnali di allarme, come gengive gonfie o irritate. La formazione di malattie gengivali inizia quando la placca contenente milioni di batteri ricopre i denti e si accumula indisturbata. L’acido prodotto dai batteri può erodere lo smalto dei denti causando carie e irritare le gengive, provocando gengiviti che possono progredire in parodontite. Un’infezione più grave che può portare alla perdita dei denti e causare una risposta infiammatoria nei tessuti parodontali.

Una condizione che può innescare una reazione a catena, diffondendosi sistemicamente nel corpo attraverso il sistema circolatorio e arrivare ad altre parti del corpo. Malattie gengivali gravi e non trattate possono portare a condizioni più gravi come complicanze della gravidanza. Nonché perdita cognitiva, scarso controllo del diabete e aumento del rischio di malattie cardiovascolari.

Una questione familiare

Importante è far capire tutto questo già ai più piccolo. Infatti già al compimento dei tre anni i genitori possono aiutare i bambini a sviluppare corrette abitudini verso l’igiene orale. Per esempio Oral-B offre l’app Disney Magic Timer, che educa i più piccoli a lavarsi i denti correttamente e per 2 minuti ogni mattina e sera

Negli studi clinici, Oral-B iO fornisce una pulizia più profonda di denti e gengive, permettendo agli utenti di mantenere la salute orale in modo semplice ed efficace. Gli utilizzatori hanno sperimentato:

Advertisement. Scroll to continue reading.
  • gengive più sane al 100% in una sola settimana rispetto agli spazzolini manuali;
  • rimozione della placca 6 volte maggiore lungo il bordo gengivale rispetto agli spazzolini manuali;
  • è stato riscontrato che l’83% dei pazienti con gengive gonfie ha manifestato un miglioramento in otto settimane.

In più al MWC sposa i più recenti impegni di sostenibilità di P&G Oral Care per ridurre l’impatto sul pianeta. Con consigli di abitudini salutari per l’ambiente:

  • chiudere il rubinetto quando ci si lava i denti;
  • riciclare gli imballaggi e i prodotti correttamente;
  • scollegare il caricabatterie dello spazzolino quando non è in uso.

 

Marco Pietro Lombardo

giornalista appassionato di tutto quanto fa tecnologia, caporedattore del quotidiano Il Giornale

Potrebbe interessarti

Advertisement

Newsletter


Advertisement

Ultime news

Italpress

MILANO (ITALPRESS) – Un’efficienza energetica all’avanguardia, un risparmio economico considerevole e l’iconico piacere di guidare si combinano nei nuovi modelli ibridi plug-in entry-level della...

Fuori di Tech

Siamo ancora qui in ballo, per capire come sarà il dopo pandemia. Anche perché il Covid-19 ci ha fatto virare sempre di più verso...

Coronavirus

Dal prossimo 6 agosto scatta l’obbligo di green pass per accedere a locali e servizi al chiuso. Per poter verificare la validità del certificato...

innovazione

L’intelligenza artificiale è ormai nelle nostre vite e Google vuole renderla ancora più umana.  Google Duplex infatti è un assistente virtuale dotata di un’intelligenza...

Audio

HMD Global annuncia tre telefoni e un nuovo portfolio audio firmati Nokia.  Con Nokia XR20 che si annuncia come uno smartphone resistente, uno dei...

News

Come riporta Japan Today, l’Università di Tokyo e IBM hanno iniziato le operazioni per la produzione del primo computer quantistico ad uso commerciale del...