Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
Apple iPhone pubblicità

News

Negli iPhone di Apple comparirà più pubblicità

Apple sta per espandere in modo significativo la propria attività riguardante la pubblicità che compare negli iPhone. L’indiscrezione arriva dall’analista Mark Gurman di Bloomber, e questo fa un po’ a pugni con la filosofia di Cupertino. Che l’anno scorso ha lanciato una funzione chiamata App Tracking Transparency che consente ai consumatori di decidere se le app possono tracciarli in altre applicazioni e siti web. Un modo fondamentale per gli operatori di marketing di raccogliere dati e quindi proporre annunci più pertinenti. In genere, dice Gurman, migliore è l’annuncio, più soldi genera. Ma adesso qualcosa cambierà.

Apple, sugli iPhone in arrivo più pubblicità

Alltualmente le attività  che riguardano la pubblicità di Apple consistono in annunci display all’interno delle applicazioni News e Stocks. O,ltre che nell’App Store, su iPhone, iPad e Mac.  Più di recente, Apple ha inserito pubblicità all’interno di TV+ per il suo accordo “Friday Night Baseball” con la Major League Baseball. Nelle app News e Stocks, gli annunci pubblicitari non sono diversi da quelli che si possono trovare su un sito web supportato da pubblicità. Nell’App Store, gli annunci sono per applicazioni vere e proprie, che probabilmente sono più utili per gli utenti Apple dei tassi ipotecari.

Ma dove finiscono i proventi? Una parte delle entrate pubblicitarie provenienti dalla scheda Oggi dell’app Notizie va agli editori, ma non è chiaro quanto. Apple consente inoltre agli editori di fare pubblicità all’interno delle loro storie e di trattenere la maggior parte del denaro. Sorprendentemente, gli annunci di Today appaiono anche se ci si abbona in Usa a News+ per 10 dollari al mese. La presenza di annunci pubblicitari sui siti web di notizie è comune, ma in generale è raro che i servizi a pagamento su iOS li abbiano. È una svolta rispetto a quando Steve Jobs, all’annuncio di iCloud nel 2011, aveva sbandierato  che non ci sarebbero stati annunci pubblicitari.

La privacy incrinata

Un altro dettaglio, segnala Gurman, è che il sistema pubblicitario dell’azienda utilizza i dati degli altri servizi e dell’account Apple per decidere quali annunci proporre.  È possibile disattivare la funzione di personalizzazione degli annunci (vedere la voce Pubblicità Apple nel menu Privacy e sicurezza dell’app Impostazioni) e l’azienda afferma che il 78% degli utenti di iOS 15 lo ha fatto. Ma il sistema continuerà a sfruttare dati come l’identità del vostro operatore, il tipo di dispositivo e ciò che leggete.

Sull’App Store, gli annunci pubblicitari vengono attualmente visualizzati nella scheda di ricerca nel pannello dei suggerimenti. Apple estenderà presto gli annunci anche alla scheda principale di Today e alle pagine di download di app di terze parti.

La crescita interna del team pubblicità

Alcuni mesi fa i team pubblicitari di Apple hanno preso piede all’interno dell’organizzazione dei servizi dell’azienda. Il vicepresidente responsabile del gruppo pubblicitario, Todd Teresi, ha ricominciato a riferire direttamente al capo dei servizi Eddy Cue invece che al vice capo dei servizi Peter Stern. Recentemente Cook ha definito l’attività un “grande” strumento di scoperta per gli sviluppatori di app. E anche Teresi ha parlato di un’espansione significativa del settore.

L’attività pubblicitari genera circa 4 miliardi di dollari di ricavi all’anno e Teresi vuole aumentare questa cifra a due cifre. E sempre secondo Gurman lo sforzo di Apple nella pubblicità porterà il produttore di iPhone ad estendere gli annunci di ricerca a Mappe. Così come Apple Books e Apple Podcasts. E TV+ potrebbe generare più pubblicità con più livelli. Proprio come stanno facendo Netflix Inc., Walt Disney Co. e Warner Bros. Discovery Inc. con i loro servizi di streaming.

Advertisement. Scroll to continue reading.
Marco Pietro Lombardo

giornalista appassionato di tutto quanto fa tecnologia, caporedattore del quotidiano Il Giornale

Potrebbe interessarti

innovazione

I programmi a premi possono variare in termini di utilità e, per alcuni, non vale la pena utilizzarli. In questo articolo, come utilizzare i...

innovazione

Come ormai chiaro da tempo Apple punta su software e servizi per ampliare il proprio business. I risultati in termini di profitti sono evidenti,...

News

Le recenti accuse ad Apple riguardo alla ripartizione dei proventi dell’App Store e dell’esclusiva sulle possibilità di acquisto, hanno spinto l’azienda a un accordo...

Advertisement
YouTube

Caricando il video, l'utente accetta l'informativa sulla privacy di YouTube.
Scopri di più

Carica il video

Newsletter


Advertisement

Ultime news

Italpress

PALERMO (ITALPRESS) – Torna a Palermo No Smog Mobility, la rassegna sulla mobilità sostenibile, pubblica e privata, nata da un’idea dei direttori Gaspare Borsellino...

innovazione

La notizia omai è nota: i costi delle prossime bollette di energia potranno riservare sorprese molto spiacevoli. Secondo lo studio condotto da Federconsumatori gli...

Italpress

LONDRA (INGHILTERRA) (ITALPRESS) – Hanno raccolto 352.800 sterline le Defender protagoniste delle spettacolari immagini del film No Time To Die e messe all’asta per...

innovazione

Google Search On ha mostrato come i progressi dell’intelligenza artificiale stanno trasformando la ricerca dei prodotti Google. La casella di ricerca funzionerà come le...

innovazione

Arriva Miraclapp, la nuova app di consulenza finanziaria che consente di investire con probabilità certificate di successo. La piattaforma ideata da Fabio Pioli, trader...

News

È tornato da poco da GameStop il secondo capitolo della saga di videogiochi dedicata al supereroe pipistrello. Stiamo parlando di Batman: Arkham City, pubblicato...

Copyright © 2020 Trameetech
Testata giornalistica online registrata il 29 dicembre 2021 al n. 238 del registro della Stampa del Tribunale di Milano
P.IVA: 12562100961