< La Top Horror del CES: cose (inutilmente) viste a Las Vegas - Tra me & Tech
Banner Content
di Marco Lombardo

Il CES di Las Vegas ha confermato di essere un vero show. Spazi immensi, oltre 200 mila presenza (si parla addirittura di 270 mila), tecnologia ai massimi livelli. Insomma: tutto il futuro possibile. Ma davvero è proprio tutto il futuro questo? Insomma: girando tra gli stand ci si può imbattere in cose mai viste. Ma soprattutto di cose viste inutilmente. Perché, già: l’hitech è il luogo delle meraviglie. Ma certe volte… Ecco insomma, appunto, la rubrica finale del CES: la Top Horror, ovvero cose viste (inutilmente) a Las Vegas.

La Top Horror del CES

Modern Macha Experience

Top Horror

Il the Macha, si sa, è quello delle cerimonie. Si deve lavorare in un modo speciale e servire secondo regole precise. Il signore in questione ha inventato una macchina che fa tutto da sola per arrivare al prodotto finito. Come dire: tagliamo i tempi di preparazione. Ma non sono quelli a far sì che una cerimonia sia tale? Non glielo abbiamo detto, dalla faccia era troppo soddisfatto.

Lovot

Ad un certo punto ci siamo ci siamo trovati un robottino peluche tra i piedi. Ci era venuto incontro, perché a lui piace il contatto con gli umani. Gli piace essere abbracciato. Insomma: si potrebbe anche fare. Solo che ad un certo punto gli finisce la batteria e corre a ricaricarsi. Magari sul più bello.

A01 Erica

Se, giustamente, abbracciare il robottino peluche non vi basta, allora ecco la robottona: si chiama A01 Erica e di professione fa l’addetta alla reception. Tutto bene, se non fosse che appena ti avvicini si gira e ti fulmina con lo sguardo. Da stare alla larga.

Il wc autopulente

Dall’Asia arriva un messaggio chiaro: anche il wc è intelligente. Lo deve diventare quantomeno, ed ecco stand in cui c’è la dimostrazione. Quando si fa, poi ci pensa lui. Abbiamo chiesto notizie su eventuali bidet dello stesso tipo. Ci hanno guardato con una faccia molto meno smart.

OhMiBody

Avevano detto: per la prima volta i sex toys sono ammessi in fiera. Poi in realtà li hanno messi nell’angolino in fondo a destra. Lasciamo da parte l’accurata descrizione del cannone semovente per lui e passiamo a questo simpatico vibratore, messo in bella evidenza da Showstoppers. In pratica: mentre lo azionate con una mano, con l’altra tenete lo smartphone per regolare intensità e volume della musica d’accompagnamento.  “Feel the music”, care signore. Ma siete proprio sicure che il vostro partner non sappia cantare?

Roxie

A proposito di cantare. Chi non ha mai sognato di avere un karaoke in macchina? Ci sarebbe il problema che non si dovrebbe leggere mentre si guida, ma tant’è Roxie, dicono gli inventori, non ha bisogno di essere toccato e ha pure la voce di un DJ. Lo so, così vi hanno convinto.

Circle O

Un pulisci escrementi automatico per quando il vostro gatto deposita i suoi nella cassetta. In pratica: a fare quello che voi fareste in un secondo gettando tutto in un sacchetto ci pensa questa centrifuga. Che, dicono i produttori, ha il merito di tenere profumato l’angolo felino. C’è un solo problema: ai gatti fa paura.

Luci indossabili

Già, a vedere il CES siamo pronti a diventare dei cartelloni viventi. Cioè, su magliette e cappellini sono comparse scritte luminose personalizzabili, psichedeliche persino. Se non vi bastasse la stesso concetto è stato applicato anche agli zaini. Prezzo scontato di favore: 199 dollari. Quando hanno fatto il prezzo hanno spento il cervello.

Smart Potato

Top Horror

Finiamo con l’apoteosi: la patata smart. Non ci credete? Neanche noi (in gruppo). Abbiamo chiesto: si tratta praticamente di una patata in cui è stata infilata un’antenna. E fin qui… L’inventore però dice che si tratta di una performance artistica per contrastare l’idea che tutto debba essere connesso. Almeno abbiamo capito questo. Ma dice anche che l’idea funziona grazie alle onde elettromagnetiche della patata trasmesse dall’intelligenza artificiale e che la brevetterà. Servono (ma servono?) 5.000 dollari ma lui ha lanciato un crowdfunding per arrivare a 27.000. Se volete partecipare il sito è questo, per 26 dollari vi arriverà la patata. Buon appetito, ma togliete l’antenna.

[ratings]

 

 

 

Tags: , , ,
Marco Pietro Lombardo
giornalista appassionato di tutto quanto fa tecnologia, caporedattore del quotidiano Il Giornale

Articolo Correlato