Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
InfoJobs evid

innovazione

Fase 2: l’indagine di InfoJobs sullo smart working ai tempi del Covid-19

Dall’indagine realizzata da Infojobs emerge come lo smart working in questi mesi sia stato un’opportunità unica di responsabilizzazione per i dipendenti, pur mancando il contatto sociale.

L’indagine di InfoJobs sullo smart working

Un’opportunità unica

Siamo finalmente entrati nella “fase 2” e, sebbene con le dovute misure e cautele richieste da più fronti, il Paese è pronto a ripartire. Ma cosa ci ha insegnato questo periodo di stand-by dalla routine? Per rispondere a questo quesito, InfoJobs, in base ai dati emersi dalla propria indagine sul tema smart working, ha identificato i 5 aspetti che gli italiani hanno potuto apprezzare del lavoro da remoto e i 5 che invece sono da considerare buoni motivi per rientrare operativi alla scrivania.

Le 5 cose che mancano di più del lavoro in presenza

  • La socialità del luogo di lavoro e il confronto quotidiano con i colleghi (parimerito al 27%)
  • La comodità della propria postazione (11%)
  • Il piacere di prepararsi alla giornata con outfit e make-up (10%)
  • Una chiacchierata con i colleghi, con i clienti e con i fornitori (8%)
  • La pausa caffè o il pranzo con i colleghi (7%)

La produttività rimane comunque invariata per oltre la metà del campione, solo un 7% dichiara un calo legato soprattutto alla difficoltà di gestire in contemporanea i familiari in smart working o i figli che necessitano di attenzione, dato che sale al 33% per le donne con figli conviventi.

In uno scenario post Covid-19 lo smart working viene visto dai lavoratori come un’opportunità, ma non come una possibile alternativa al lavoro in presenza. Il 71% dice sì al lavoro agile, ma solo per 1 o 2 giorni a settimana (percentuale che sale all’89% per le donne con figli e che si attesta al 55% per gli uomini che vivono sotto lo stesso tetto con la prole).

Le 5 cose più belle dello smart working

  • Risparmio di tempo per spostamenti casa-ufficio (49%)
  • Flessibilità di orari (19,5%)
  • Possibilità di gestire insieme esigenze personali e lavorative (17%), 30% per donne con figli
  • Niente distrazioni (11%)
  • Videocall in sostituzione dei meeting in presenza (3%)

Lo smart working è stato, ed è per molti ancora oggi, un banco di prova, per aziende e dipendenti, in un serrato e quotidiano confronto con difficoltà e opportunità. E come da ogni esperienza, deriva una lezione e aspetti o abitudini che si vorrebbero conservare anche dopo la fine dell’emergenza: come l’incremento del livello tecnologico in azienda e in casa (37%), un miglior bilanciamento tra vita professionale e privata (28%), particolarmente importante per le donne con figli conviventi (34%) e per gli uomini nella medesima situazione (24%).

Il 14% degli intervistati rivela un dato davvero incoraggiante, vedendo in questa modalità di lavoro una maggiore responsabilizzazione del team e una maggiore fiducia da parte dei capi, che non possono, in questa situazione, esercitare il medesimo controllo di quando si è operativi in presenza.

Fra opportunità, difficoltà e scenari, un dato è certo: l’Italia ha risposto all’emergenza sanitaria dando la possibilità, per quanto possibile, di lavorare da remoto, provando una nuova modalità che impatterà anche il prossimo futuro.

Scritto da

Potrebbe interessarti

News

InfoJobs, la piattaforma per la ricerca online del lavoro, come ogni fine anno, analizza i progressi del mondo del lavoro. Con l’Osservatorio Mercato del...

News

InfoJobs ha condotto un’indagine che riguarda le diverse generazioni nel mondo del lavoro. Attraverso la sua piattaforma, che si occupa della pubblicazione di offerte...

News

Quanto è importante essere gentili sul lavoro? E quanto posso determinare il benessere mentale l’essere gentili? Il 13 novembre si celebra la giornata mondiale...

News

InfoJobs, piattaforma leader in Italia per la ricerca di lavoro online, ha pensato a dei consigli per leggere e valutare correttamente un’offerta di lavoro....

Copyright © 2023 Trameetech
Testata giornalistica online registrata il 29 dicembre 2021 al n. 238 del registro della Stampa del Tribunale di Milano
P.IVA: 12562100961