Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
Uber Italy

News

Il tribunale riabilita Uber Italy: “Bene le nuove per i rider”

Uber Italy riabilitata dalle accuse di sfruttamento dei rider. Con la richiesta da parte dell’azienda di revoca dell’amministrazione giudiziaria. Questo è l’esito dell’udienza tenurtasi oggi al Tribunale di Milano, presieduta dal dott. Fabio Roia.

A fronte della relazione dell’amministratore giudiziario, il PM e la società hanno concordemente richiesto la revoca anticipata della misura. Il Tribunale ha preso atto positivamente del percorso intrapreso dalla società e dei risultati raggiunti. Riservandosi in merito alla decisione sulla richiesta di revoca.

Uber Italy riabilitata chiede la fine dell’amministrazione giudiziaria

deliveryNella relazione emerge che la società ha attuato il programma prescrizionale. Ovvero un piano di miglioramento della conformità alle regole con conseguente riassetto organizzativo della società. Tale piano ha comportato l’adozione e attuazione del modello organizzativo 231. In più anche la designazione di un Compliance Champion e la nomina dell’Organismo di Vigilanza. Al fine di vigilare sul funzionamento e sull’osservanza del modello.

“Abbiamo lavorato duramente negli ultimi mesi per rafforzare i nostri processi. A partire dalla formulazione di un Protocollo in materia di salute e sicurezza a tutela dei rider in Italia – dichiara in una nota Uber Italy -. Con l’obiettivo di fornire ai corrieri un ambiente di lavoro sicuro, gratificante e flessibile.

La relazione odierna dell’Amministratore Giudiziario conferma gli ottimi risultati ottenuti fino ad ora e che stiamo procedendo nella giusta direzione. Continueremo a collaborare con le autorità. Per far sì che Uber sia sempre un passo avanti in termini di conformità ai più elevati standard nel settore del food delivery in Italia”.

La nota dell’amministratore giudiziario e dei coadiutori

“È evidente lo sforzo di programmazione ed economico, oltre che l’oggettivo salto culturale compiuti da Uber. Questo per il posizionamento nel settore del food delivery con un elevata connotazione etica e responsabilità sociale. A conferma della volontà del management di operare in un ambito di legalità e di tutela dei lavoratori”, confermano in una nota amministrare giudiziario e coadiutori.

“Gli attuali sistemi di controllo possono assicurare un presidio di legalità in piena autonomia qualora la misura venisse revocata anzitempo. Un simile scenario permetterebbe alla Società di ritrovare un nuovo equilibrio tra profitto e legalità. Così da consentire una verifica costante e autonoma e, come tale, più stabile e durevole nel tempo”.

Come emerge anche dalla relazione, particolare attenzione è stata posta alla salute e sicurezza dei riders. Con un programma specifico nel settore del food delivery che dimostra la posizione di contrasto della società rispetto a forme di sfruttamento del lavoro. In questo contesto si inserisce il Protocollo in materia di salute e sicurezza. Che è parte integrante del modello 231 di Uber Eats Italy.

Le soluzioni adottate dall’azienda

Il protocollo prevede una serie di misure ad hoc. Che Uber Eats ha adottato per garantire la tutela della salute, della sicurezza e del benessere dei corrieri:

Advertisement. Scroll to continue reading.
  • La “Dichiarazione di verifica dell’idoneità tecnico professionale” che certifica l’idoneità del rider allo svolgimento delle attività di food delivery. Inoltre il possesso di dispositivi di protezione individuale e di attrezzature per l’attività di consegna conformi alle normative vigenti;
  • La polizza assicurativa integrativa per i rider in aggiunta alla copertura INAIL. Messa a disposizione da Uber Eats, in partnership con AXA. Include malattia e Covid-19, spese mediche, decesso, disabilità permanente. Ed anche ricoveri ospedalieri e infortuni in caso di incidenti  occorsi sul lavoro. La polizza prevede, inoltre, accrediti una tantum in caso di maternità/paternità;
  • La fornitura gratuita d  casco di sicurezza per bicicletta e indumento ad alta visibilità. Nonché di giacca e pantaloni antipioggia e supporto impermeabile per smartphone. Oltre a luci da applicare sulla bicicletta e fascia da braccio catarifrangente;
  • La fornitura dell’equipaggiamento protettivo anti-Covid-19. Diretta o mediante rimborso;
  • L’introduzione nell’app Uber Eats per i rider di un tasto di emergenza utilizzabile in caso di problemi di sicurezza.Che consente di contattare il 112 e di ricevere assistenza da parte di un team Uber;
  • L’organizzazione di una campagna di informazione e sensibilizzazione per i rider in materia di salute e sicurezza e igiene alimentare. Che prevede la condivisione di informazioni, suggerimenti e guide (in formato video). Oltre all’invio di avvisi, comunicazioni e reminder in relazione al rispetto delle norme di sicurezza stradale. Con particolare riferimento al corretto e sicuro utilizzo dell’App/cellulare mentre il rider è in movimento. E all’importanza  dell’utilizzo dei dispositivi di protezione individuale forniti dall’azienda;
  • L’erogazione di corsi gratuiti di formazione dedicati alla salute e sicurezza sul lavoro e alla sicurezza stradale. Questi  corsi sono obbligatori ed erogati in più lingue attraverso un fornitore terzo specializzato.

Marco Pietro Lombardo

giornalista appassionato di tutto quanto fa tecnologia, caporedattore del quotidiano Il Giornale

Potrebbe interessarti

innovazione

Nell’era dell’epidemia da Covid-19 il desiderio di maggiori servizi di consegna a domicilio è esploso anche nelle numerose province italiane. Questa è la necessità...

innovazione

Si chiama ThinkAbout, ed è la prima azienda in Italia a valorizzare in maniera economicamente sostenibile le eccedenze alimentari. Un modello di start up...

Coronavirus

Se tutto va bene dal primo di giugno potremo tornare a bere un caffè al bar, pranzare con un panino nel nostro locale preferito...

innovazione

Il servizio [email protected], in particolare, risponde alle necessità del comparto ristorazione. Il quale si sta spostando sempre più verso l’online e il delivery per...

Advertisement

Newsletter


Advertisement

Ultime news

gaming

IIDEA, l’Associazione di categoria che rappresenta l’industria dei videogiochi in Italia, ha presentato il primo appuntamento con l’Esports Outlook 2021. Ovvero un resoconto dei...

Motor Tech

Il navigatore ha ancora una loro strada da percorre sul mercato. Nonostante siano mai parte integrande dei nostri smartphone. La riprova è l’uscita di...

News

Prosegue con successo Mi Academy, il programma di training rivolto agli addetti vendita, sviluppato da Xiaomi Italia e disponibile in 8 mercati dell’Europa Occidentale....

innovazione

Octo_Net, startup innovativa che opera con l’obiettivo di realizzare sistemi informatici in grado di supportare le aziende nella rinascita digitale, ha sviluppato un nuovo software...

Italpress

E’ arrivata nei concessionari Aprilia la nuova Tuono V4. La Hypernaked che vanta un milione di tentativi di imitazione si sdoppia. Il nome Factory...

Italpress

Suzuki presenta il nuovo KIT Freedom che sarà omaggiato a chi acquisterà, fino al 30 giugno, una V-Strom 650 o la V-Strom 650 XT....