Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
Huawei Mate 30

News

Huawei Mate 30 Pro senza le app di Google?

Per il momento ovviamente è solo uno dei rumor della rete. Ma l’indiscrezione rilanciata da Andrea Puchetti su Cellulare Magazine, se confermata, sarebbe clamorosa. In pratica: Mate 30 e Mate 30 Pro, i prossimi cellulari di punta di Huawei potrebbero arrivare senza le app di Google.

Huawei Mate 30 e il bando di Trump

Huawei Mate 30

Uno dei rendering sul web che conferma il comparto circolare della fotocamera

 

La proroga e le app di Google

Riassumiamo: in questo momento Huawei è sempre nella lista nera dell’amministrazione Usa. Ma ha ricevuto una proroga di 90 giorni di sospensione per poter avere contatti con aziende americane. In definitiva: fino al 15 novembre le compagnie Usa possono concludere accordi commerciali con il colosso cinese.

Però c’è un però. Ovvero: questo riguarda i contratti business, mentre per i software degli smartphone non basta. Ci vuole una certificazione finale, che i precedenti dispositivi Huawei hanno. E quindi loro non corrono rischi. Diverso invece è il discorso di Mate 30, Mate 30 Pro e del pieghevole Mate X. Ora previsto in arrivo a novembre.

La guerra di The Donald

La certificazione da parte di Google pare che non sia ancora arrivata. E d’altronde il motivo della proroga della sospensione del bando, così è stato dichiarato, serve allle aziende statunitensi per organizzarsi. Dunque, visto dagli occhi di Trump, non è certo un gesto di favore nei confronti dei cinesi.

In tutto questo un insospettabile alleato di Huawei è diventato Tim Cook, il Ceo di Apple. Il quale ha parlato con il presidente per metterlo in guardia dai problemi che i colossi Usa andranno ad affrontare se non potranno più operare in Cina. Come si sa infatti la maggior parte della produzione della Mela è proprio nel Paese asiatico.

La mossa di Apple

Trump ha dichiarato di aver capito le preoccupazioni di Cook e di diverci pensare sopra. E al recente G7 ha anche a parole aperto al presidente cinese Xi Jingpi sulla questione dei dazi. Però per il momento Huawei sembra resti certificazione. E nonostante l’annuncio dell’arrivo del suo sistema operativo fatto in casa, restano le evidenti difficoltà a cui andrebbe incontro senza avere le app più popolare sui suoi device. Cosa che complicherebbe le vita ai consumatori. Vittime di questa storia.

giornalista appassionato di tutto quanto fa tecnologia, caporedattore del quotidiano Il Giornale

Potrebbe interessarti

Audio

Huawei alza l’asticella per gli auricolari wireless economici con l’introduzione degli HUAWEI FreeBuds 6i. Questi nuovi auricolari vantano una tecnologia di cancellazione del rumore...

Pink Tech

“Tech by Her”, programma globale di HUAWEI, arriva alla sua seconda edizione per promuovere la leadership femminile nel mondo della tecnologia, presentando, in un...

News

Dal 7 al 15 settembre 2024 ritorna il concorso fotografico Global HUAWEI XMAGE Awards, che si rivolge a esperti e appassionati, con tante nuove...

Smart Device

Arriva HUAWEI MatePad 11.5” S, il nuovo tablet HUAWEI che integra funzionalità innovative per migliorare la produttività e l’esperienza di utilizzo dentro e fuori...

Copyright © 2023 Trameetech
Testata giornalistica online registrata il 29 dicembre 2021 al n. 238 del registro della Stampa del Tribunale di Milano
P.IVA: 12562100961