Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
Merlara

News

Coronavirus, Merlara chiede aiuto per la casa di riposo

Oggi pomeriggio TraMe&Tech darà il via a un progetto per dare una voce digitale alle storie dell’Italia colpita dal Coronavirus. Per aiutare chi è in difficoltà, come il caso di Merlara che leggete qui. Ma anche per dare speranza sul fatto che ne usciremo. Anche con l’uso della tecnologia e dei mezzi che ci mette a disposizione per raccontare.

In questo caso parliamo della situazione nella case di riposo. Parlando di una in particolare, ma sapendo che la situazione è così purtroppo in molti altri paesi.

Aiutiamo la casa di riposo di Merlara

di Serenella Bettin

Il grido di aiuto stavolta arriva da Merlara, un comune di poco meno di 2700 abitanti in provincia di Padova.  È a mezz’ora da Vo’ Euganeo, qui da dove in Veneto è partito tutto. Qui da dove quel 21 febbraio scorso le vite di tutti sono cambiate. A Vo’ Euganeo c’è stata la prima vittima italiana di Coronavirus, si chiamava Adriano Trevisan e aveva 77 anni. Era il padre dell’ex sindaco di Vo’, Vanessa Trevisan.

Da lì partirono controlli a tappeto, Vo’ venne blindata, il giorno in cui scoppiò tutto faceva una paura tremenda e tutti gli abitanti vennero messi in quarantena. E ora. Ora il virus è esploso dentro una casa di riposo. Questo maledetto virus che si prende i nostri anziani, i nostri vecchi, le nostre storie, le nostre memorie.

Questo virus che si insinua dappertutto, che si moltiplica, che si ribella, che si aggrappa alle vite delle persone trascinandole nel basso, nello sconforto, nella disperazione e in molti casi nella morte. I numeri parlano. Raccontano. Non sono soltanto numeri.

Sono persone, donne, uomini, desideri nascosti. Sono storie, sono genitori, sono madri, padri, che hanno donato la vita ai figli e ora non possono nemmeno vederli.

Una vittima al giorno

Accade a Merlara appunto, nella casa di riposo Pietro e Santa Scarmignan, il virus ha contagiato ospiti e personale. Sabato è morto un anziano.

Si chiamava Nerone Ugo Melato, aveva 89 anni ed era di Saletto di Borgo Veneto. Domenica poi è toccato a una donna, era del 1922, Camilla Costantini. Anche se la direzione per motivi di privacy non ha voluto confermare se la donna fosse o meno tra i sessanta ospiti risultati positivi al Covid. Idem un’altra donna, morta domenica anche lei.

Infatti perché in quella casa c’erano 69 ospiti, e 63 sono stati contagiati. Oltre a 25 persone del personale che dentro ci lavora. I positivi quindi sono 88, compresi i tre deceduti. E il problema più grande è il personale sanitario che non ce la fa più. Che essendo dimezzato non riesce a far fronte a questa situazione.

Turni massacranti. Impossibili da reggere. Oltre alle mascherine che stanno per finire. Il sindaco ha fatto recapitare un messaggio vocale al governatore del Veneto, Luca Zaia. Che ora in regione partirà con i tamponi a tappeto a tutti, a partire dal personale sanitario.

Le parole del sindaco

Quei pochi operatori rimasti –  racconta il sindaco di Merlara Claudia Corradinhanno il terrore di contagiarsi anche perché le mascherine e i dispositivi di protezione stanno per esaurirsi. Altri hanno paura”.

“Noi abbiamo fatto tutto quello che era possibile fare, ma ora sono allo stremo. Serve un’attenzione anche a queste strutture. Capisco che la Regione è in difficoltà ma ci sentiamo abbandonati. Quando entra un virus in una struttura così, è ovvio che ci sia la decimazione”.

“La Regione ci ha indicato alcune cooperative da contattare per mandare i rinforzi del personale, anche se non hanno qualifiche di Oss, ma che in qualche modo possono coadiuvare. Ho scritto all’Azienda Zero, l’ente del servizio sanitario regionale. Merlara deve essere messa come priorità per i dispositivi. Tutti hanno priorità ma questa è una priorità assoluta!”.

“Ce la faremo”

“Siamo in continuo contatto con prefettura, Ulss, protezione civile e quanti possono dare un contributoha scritto il sindaco domenica su Facebookè necessario mantenere la calma e non fomentare polemiche. Ce la faremo”.

Gli anziani lì dentro, non possono vedere nessuno se non gli operatori. Non vedono i loro cari. Non vedono figli. Non vedono i nipoti. L’unica cosa che possono fare è una chiamata virtuale. Una videochiamata su whatsapp. Ai tempi del Coronavirus, questa è l’unica cosa che dà loro calore.

Scritto da

Potrebbe interessarti

News

Dopo averne annunciato l’arrivo a settembre, e4life dà il via alla vendita dei dispositivi e4ambient e e4you attraverso l’apertura del suo eCommerce. Infatti ora...

innovazione

Sono bastati pochi giorni di campagna per superare il traguardo prefissato. CovKill, la prima tecnologia in grado di dosare correttamente i raggi ultravioletti UV-C...

Fuori di Tech

L’edizione 2021 di Lifebility Award è stata intitolata “KO COVID-19″. E non è un caso quindi che i progetti vincitori hanno saputo dare una...

Fuori di Tech

Abbiamo capito che per circolare in epoca post vaccino servirà il green pass o certificato verde Covid-19. Ma come funzionerà. Ecco un piccolo vademecum...

Iscriviti alla Newsletter

Tutorials Point
Advertisement

Ultime news

News

Nel panorama sanitario in continua evoluzione, dominato dalla digitalizzazione, i medici di famiglia si trovano ad affrontare una serie di sfide nell’abbracciare le nuove...

innovazione

MIX – Milan Internet Exchange, principale punto di interscambio Internet in Italia e fornitore di servizi di interconnessione di rete, annuncia il rinnovo della...

Smart Device

Nel panorama frenetico della vita moderna, dove la tecnologia rappresenta un elemento imprescindibile, SBS si distingue per la sua continua innovazione nel settore dell’energia...

News

iotty ha annunciato l’arrivo sul mercato della sua nuovissima linea di placche in gres porcellanato per interruttori e prese intelligenti.Questa novità rappresenta un ulteriore...

Italpress

ROMA (ITALPRESS) – Via agli ordini della rinnovata Dacia Spring, l’auto 100% elettrica. La gamma italiana destinata ai clienti privati si declina in 3...

News

Samsung annuncia la sua partecipazione al Fuorisalone 2024, in programma dal 16 al 21 aprile, con un’installazione unica all’interno delle Cavallerizze del Museo Nazionale...

Copyright © 2023 Trameetech
Testata giornalistica online registrata il 29 dicembre 2021 al n. 238 del registro della Stampa del Tribunale di Milano
P.IVA: 12562100961