< La nuova Land Rover Defender: tecnologia e tradizione - Tra me & Tech
Banner Content

Una volta si chiamava solo Land Rover. Era unica. Dal 1949. Poi sono arrivate altre versioni e allora è nata la Land Rover Defender, il massimo per i fuoristrada. Spartana e indistruttibile, ti faceva arrivare in qualsiasi posto del mondo. E lo fa ancora.

Solo che adesso è diventato un veicolo del XXI secolo. Tecnologico, anche se sempre attaccato alla sua immagine tradizionale. Ecco insomma la nuova Land Rover Defender. Che nel video che vedete viene raccontata da Daniele Maver, presidente di Jaguar Land Rover Italia.

Noi l’abbiamo vista di persona alla Jaguar Land Rover Training Academy di Bologna. Dove erano presenti i quattro Brand Ambassador italiani: Danilo Callegari (Explorer), Franck Reporter (Adventure), Filippo Bassoli (Urban) e Gerardo Cavaliere (Country).

Land Rover Defender, un’icona

Intelligente, capace e sicura per tutta la famiglia

La Defender è nata per chi ama l’avventura e la scoperta. Disegnata per essere funzionale, può essere personalizzata secondo lo stile di vita di chi la possiede. Per diventare anche un’auto familiare, anche se è stata sperimentata negli ambienti più ostili della terra. 

Accanto al lusso raffinato delle Range Rover e alla versatilità della Discovery, la nuova Defender completa la gamma.  La versione 110 è solo la prima della famiglia 4×4 più forte e capace del mondo. Sarà seguita, entro la seconda parte del 2020, da una 90 a passo corto e da un paio di modelli commerciali.

Capacità trasformata

Ispirata dalla passione e dal rispetto per l’originale, la nuova Defender offre nuove avanzatissime tecnologie all-terrain. Sulla nuova Defender debutta il Configurable Terrain Response  che consente ai fuoristradisti esperti la regolazione precisa delle impostazioni del veicolo, per adattarle perfettamente alle condizioni di viaggio. I guidatori meno esperti possono invece lasciare che il sistema rilevi da solo le regolazioni appropriate per il terreno, grazie alla modalità Auto.

La profondità massima di guado di 900 mm è supportata dal nuovo programma Wade del Terrain Response 2. Che assicura che il guidatore possa affrontare con sicurezza anche guadi profondi.  Su terreno asciutto il dispositivo ClearSight Ground View di Land Rover permette di sfruttare appieno le  capacità dell’auto. Rendendo visibile, sul touchscreen centrale, l’area antistante le ruote anteriori, solitamente nascosta dall’ingombro del cofano.

Potenza ed efficienza

Una gamma di propulsori diesel e benzina assicurano potenza, controllo ed efficienza in ogni tipo di ambiente. L’anno prossimo si unirà alla gamma un ibrido Plug-in,  che consentirà una marcia silenziosa con la sola propulsione elettrica. Al lancio, la gamma benzina comprenderà un 4 cilindri P300 ed un 6 cilindri P400, che offre l’efficiente tecnologia Mild Hybrid Electric Vehicle.

In alternativa, sono a disposizione un paio di quattro cilindri diesel – il D200 ed il D240 – entrambi con consumi pari a 7,6 l/100 km ed emissioni di CO2 di 199 g/km. Soluzioni ingegneristiche innovative supportano l’efficienza del veicolo. Fra queste, un sottoscocca piatto ispirato alla Formula 1 che ottimizza le prestazioni aerodinamiche e protegge il veicolo.

Svolta tecnologica

La nuova Defender presenta il nuovo sistema di Infotainment Land Rover Pivi Pro. Il touchscreen di prossima generazione è più intuitivo e di facile impiego, richiede meno input per svolgere i compiti più comuni, mentre la sua progettazione “always-on” garantisce una risposta quasi istantanea.

Inoltre la tecnologia Software-Over-The-Air con 14 moduli singoli è in grado di ricevere aggiornamenti in remoto.  Effettuando il download dei dati mentre i clienti dormono a casa, o in qualsiasi altra località lontana, l’auto migliorerà col tempo. Gli aggiornamenti arriveranno al veicolo immediatamente, senza ritardi e senza visite al Concessionario Land Rover.

Infotainment Pivi Pro

Il sistema, ispirato ai più recenti smartphone e azionato tramite il touchscreen centrale da 10″, è costantemente attivo garantendo quindi una risposta istantanea, anche quando si avvia il veicolo per la prima volta. Il layout, ridisegnato e facilmente customizzabile, riduce del 50% il numero dei passaggi necessari rispetto ai sistemi precedenti ed incorpora una base di ricarica wireless oltre ad Apple CarPlay e Android Auto, per un’integrazione intuitiva con lo smartphone. La tecnologia Bluetooth può anche collegare due telefoni simultaneamente.

Il nuovo sistema di navigazione usa algoritmi di autoapprendimento e indicazioni dinamiche per ottimizzare la scelta della rotta, mentre il sistema Smart Voice Guidance sa anche cancellare le istruzioni audio se si sta viaggiando in un ambiente conosciuto. Le mappe vengono aggiornate grazie alla tecnologia SOTA. In combinazione con l’Interactive Driver Display da 12,3”, il  sistema impiega mappe 3D in alta definizione all’interno della strumentazione. Lasciando libero il touchscreen centrale per i controlli ed altre applicazioni.

Controllo da remoto e Head-up Display

I clienti possono tracciare e intervenire su alcune funzionalità della nuova Defender da lontano, impiegando la Remote tracking technology di Land Rover. Che permette di controllare la posizione del veicolo, il livello carburante, il blocco e sblocco delle portiere e la regolazione del clima prima della partenza.

Le cause  di distrazione del guidatore sono ridotte al minimo grazie all’Head-up Display Land Rover di seconda generazione. Lo schermo TFT retroilluminato mostra al guidatore le informazioni chiave. Mentre la nuova funzione video può replicare le schermate del touchscreen centrale – incluse le immagini grafiche di articolazione – per aiutare il guidatore in situazioni di off-road.

Telecamere per la visibilità completa

La nuova Electrical Vehicle Architecture, la videocamera puntata in avanti, gli avanzati sensori di ultrasuoni e il potente network da 3Gbit/s supportano un completo ventaglio di tecnologie di assistenza alla guida. Videocamera e sensori sono comandati da un singolo processore integrato  per ottimizzare la sicurezza.

Questi dispositivi comprendono la 3D Surround Camera, che offre una vista a 360 gradi a due dimensioni, e una nuova prospettiva 3D dell’area circostante, sia su strada che in off-road. Per mantenere la piena visibilità posteriore, tutte le Defender ordinate con strapuntino monteranno anche il dispositivo ClearSight Rear View. Al tocco di un pulsante, lo specchio interno senza cornice si trasforma in uno schermo digitale che riporta le immagini riprese da una videocamera posteriore ad alta definizione, montata sul retro del veicolo.

Questa tecnologia intelligente rende efficacemente invisibili i montanti posteriori e la ruota di scorta, oltre ad offrire un campo visivo di 50 gradi, eliminando i punti ciechi posteriori. La camera da 1,7 megapixel è efficace anche in condizioni di scarsa illuminazione, e ha un rivestimento idrofobico per mantenerne l’efficacia anche con pioggia o fango.

Assistenza alla guida

Il Driver Assist Pack comprende l’Adaptive Cruise Control e il Rear Pre-Collision Monitor. Che aziona automaticamente le luci di emergenza per avvertire i veicoli che seguono se questi non rallentano. E poi c’è il Blind Spot Assist, il Rear Traffic Monitor e il Clear Exit Monitor.

L’elenco dei sistemi di assistenza alla guida comprende anche l’Emergency Braking, il Lane Keep Assist, il Traffic Sign Recognition, il Cruise Control con Speed Limiter, il Driver Condition Monitor e sensori di parcheggio anteriori e posteriori. Mentre gli avanzati controlli dello chassis sono affidati all’iperveloce network Flexray.

Audio e connessione

Sono disponibili sistemi Audio Meridian TM da 6, 10 e 14 diffusori (questi ultimi più subwoofer) che erogano 180W, 400W e 700W di potenza all’amplificatore. E caratterizzati da una eccezionale qualità sonora.

Per rimanere connessi la prima fila dispone di due prese a 12 V e due USB, una delle quali è dietro lo schermo centrale. Posizionata così per limitare la lunghezza dei cavi se la si usa per alimentare una dash cam. La seconda fila dispone di 2 prese USB ed un paio di punti di ricarica a 12 V. Quando è presente la terza fila vi si aggiungono una presa USB ed una a 12 Volt. Anche il vano di carico ha la sua presa a 12 Volt ed una presa domestica a 220 Volt a tre poli.

Un piccolo tocco in più è rappresentato dalla disponibilità di prese USB sui sedili anteriori. Che consentono ai passeggeri della seconda fila di caricare i loro dispositivi usando contemporaneamente i supporti per tablet Click and Go.

La chiave virtuale

La tecnologia keyless si avvale della cybersecurity, con ricetrasmettitori Ultra Wide Band che prevengono i furti mediante clonazione dei dispositivi.  Oltre al paio di telecomandi standard, è disponibile una Activity Key di seconda generazione.

Il dispositivo impermeabile (4 BAR), indossabile e a prova d’urto oggi incorpora un orologio LCD. Portato al polso consente di sbloccare le portiere e avviare il motore – senza lo handshake elettronico prima necessario per bloccare e sbloccare il veicolo. Invece i clienti potranno accedere alla Defender, o bloccarla, usando un pulsante sull’orologio o la funzione accesso senza chiave.

Disponibilità e prezzi

La nuova Defender è in preordine e arriva nei primi mesi del 2020 nella versione 110. Che avrà un prezzo di partenza intorno ai 58mila euro. La versione 90 sarà invendita nel secondo semestre, partirà da circa 51mila euro.

[ratings]

 

Tags: , , ,
Marco Pietro Lombardo
giornalista appassionato di tutto quanto fa tecnologia, caporedattore del quotidiano Il Giornale

Articolo Correlato