Connect with us

Hi, what are you looking for?

Motor Tech

Aston Martin ripropone l’auto di James Bond. In 25 esemplari

Qualcuno potrebbe considerarlo un “giochino” da quasi 4 milioni di euro. Ma in realtà si tratta di una vera opera d’arte prodotta da un’ampia selezione dei migliori artigiani e ingegneri più talentuosi del Regno Unito. Insomma, ecco la prima customer car del programma continuation di DB5 Goldfinger di Aston Martin, l’auto di James Bond che ha lasciato la linea di produzione la scorsa settimana.

Riecco la DB5 Goldfinger di Aston Martin, l’auto di James Bond

La DB5 “Job 1” rappresenta non solo un nuovo importante successo di design e ingegneria. Ma è anche la prima nuova DB5 ad essere costruita da Aston Martin in oltre mezzo secolo. Ritenuta “l’auto più famosa al mondo”, la DB5 di Aston Martin è diventata sinonimo di stile senza tempo ed è tra le auto sportive più desiderate. Tra il 1963 e il 1965 furono costruiti meno di 900 esemplari, il più famoso tra i primi proprietari fu l’agente segreto più noto al mondo: James Bond. Che per primo guidò l’auto che oggi è indissolubilmente legata a lui nel film del 1964, Goldfinger appunto.

Oggi rieccola, a 55 anni dall’uscita dell’ultima nuova DB5 dalla linea di produzione nell’allora sito produttivo Aston Martin a Newport Pagnell, nel Buckinghamshire. I lavori sono in corso e concentrati su un numero strettamente limitato di nuovi modelli DB5, ovvero 25. Create in collaborazione con EON Productions, filmmaker di Bond, sono dotate di un’ampia gamma di gadget funzionanti visti per la prima volta nel film.

Oltre ad essere estremamente cariche di significato come tutte le nuove DB5, le auto in costruzione quest’anno si distinguono anche per la presenza di una serie di gadget funzionanti. Simili a quelli precedentemente visti solo su auto usate per le riprese o la promozione dei film di James Bond. Le nuove auto di James Bond di Aston martin comprendono una serie di dispositivi funzionanti creati dal supervisore agli effetti speciali del film Bond Chris Corbould OBE.

La lista di gadget di ispirazione “Bond”

Quelli esterni:

  • Sistema di erogazione fumo posteriore
  • Sistema di erogazione simulato di olio posteriore
  • Targhe rotanti anteriori e posteriori (triple)
  • Mitragliatrici gemelle anteriori simulate
  • Protezione antiproiettile posteriore
  • Sistema di speronaggio anteriori e posteriori
  • Slasher per pneumatici simulato
  • Pannello del tetto del sedile passeggero rimovibile (equipaggiamento opzionale)

E quelli interni:

  • Simulazione mappa del tracker dello schermo radar
  • Telefono integrato nella portiera del conducente
  • Pulsante attivatore del cambio
  • Quadro montato su bracciolo e console centrale
  • Vano nascosto sotto il sedile / portaoggetti
  • Telecomando per l’attivazione dei gadget

Come sono fatti i 25 modelli

Ognuna delle 25 nuove auto sono riproduzioni autentiche minuziosamente dettagliate del DB5 viste sullo schermo. Con alcune modifiche e miglioramenti che garantiscono i massimi livelli di qualità in termini di costruzione e affidabilità. Tutte le vetture dell’edizione Goldfinger sono state costruite secondo una specifica di colore esterno – vernice Silver Birch – proprio come l’originale.

Tutte le auto sono dotate di pannelli esterni in alluminio in pieno stile DB5 originale che mascherano una struttura del telaio in acciaio. Sotto il cofano, il motore 6 cilindri in linea aspirato da 4,0 da 290 CV, tripla SU e air cooler. Accoppiato a un cambio manuale ZF a cinque velocità nella trazione posteriore, che presenta anche un differenziale a slittamento meccanico limitato.

Ci sono freni a disco idraulici servoassistiti Girling in acciaio, sterzo a pignone e cremagliera che non prevede assistenza. E un assetto di sospensione che include la bobina sopra la molla e le unità dell’ammortizzazione con barra antirollio nella parte anteriore. Oltre a una sospensione posteriore dell’asse in tensione con braccetti di sospensione e il Watt’s linkage.

Ultimo particolare: la DB Goldfinger è un auto da salotto. Non è infatti omologat per circolare…

Advertisement. Scroll to continue reading.

giornalista appassionato di tutto quanto fa tecnologia, caporedattore del quotidiano Il Giornale

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Green Tech

Il primo motore navale hidro-jet elettrico, DeepSpeed ha lanciato un aumento di capitale di 7 milioni di euro e una campagna equity crowdfunding su...

Advertisement

Newsletter


Advertisement

Ultime news

Italpress

TORINO (ITALPRESS) – Lancia celebra i suoi primi 115 anni partendo dal suo stile. L’azienda torinese dopo oltre un decennio passato nel semi-dimenticatoio, nell’era...

News

Finiamo la carrellata dei prodotti realme con gli ultimi arrivati in fatto di smartwatch. Ovvero Watch 2 e Watch 2 Pro, dispositivi che fanno...

Italpress

ROMA (ITALPRESS) – Mazda Motor Corporation ha annunciato che accelererà i suoi piani di elettrificazione globali. La Casa giapponese ritiene che entro il 2030...

innovazione

I clienti “frequent flyer” delle 26 compagnie aeree della Star Alliance potranno d’ora in poi utilizzare la loro identità biometrica negli aeroporti e con...

Motor Tech

Il giovane regista torinese Alex Lauria approda alla 36.ma edizione del Lovers Film Festival con lo short film “The Crossroad”. Un progetto multimediale che...

Italpress

ROMA (ITALPRESS) – Possedere un’auto ha raggiunto una significativa popolarità nell’ultimo anno. Nel caso dell’Italia, il numero di consumatori che considera l’auto come principale...

Exit mobile version