Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech

Italpress

Renault. Fusilli “Uniamo prima le persone, poi i luoghi”

LOCOROTONDO (BARI) (ITALPRESS) – Renault torna in Valle d’Itria per il secondo anno di fila e, sull’onda della partnership con il Viva! Festival, giunto alla sua settima edizione, presenta il proprio manifesto per un futuro human-centric. Confermando la propria presenza al fianco di un festival che da sempre si pone l’obiettivo di creare un legame intenso con il territorio attraverso la musica, il marchio francese sottolinea la propria visione che, negli intenti di sempre, mette gli esseri umani al centro di tutto: l’obiettivo dichiarato del brand è quello di trasmettere emozioni prima di collegare luoghi, di migliorare la qualità della vita prima di migliorare la qualità della guida.
A Locorotondo Renault Italia ha portato tre autovetture che, in questo senso, spiegano bene il futuro della casa automobilistica: accanto alla nuova Megane, il prototipo della R5 Roland-Garros (al 95% simile a quella che effettivamente uscirà sul mercato) e, soprattutto, la concept car H1st Vision. Tutti veicoli il cui comparto audio appare e apparirà rivoluzionato grazie alla partnership stretta da Renault con Jean-Michel Jarre, artista francese ed ingegnere del suono di fama mondiale.
“Per noi – spiega l’amministratore delegato di Renault Italia Raffaele Fusilli – la musica è passione ed emozione, è un viaggio con gli altri ma anche con se stessi. Poi, soprattutto, unisce e connette le persone, le mette insieme. In questo, Renault ha una visione assolutamente simile. Noi ci vantiamo di essere un brand molto più interessato a unire essere umani che a unire luoghi, interessato alla qualità della guida, ma ancora più interessato alla qualità della vita dei nostri clienti, sia all’interno che all’esterno dell’abitacolo. Stiamo facendo una rivoluzione copernicana sul nostro sound, sui suoni che sono uniti al mondo dell’elettrico e su come riempire il silenzio dell’elettrico. Su questo ci aiuta Jean-Michel Jarre, che è un antesignano della musica elettronica, uno dei suoi padri fondatori. Quindi la coerenza tra questo festival, questi luoghi e il nostro dna è forte”.
“Oggi esponiamo il prototipo della Renault 5 che è molto vicino all’originale e racconta una storia che riprende una nostra icona mitologica del passato e la fa rinascere moderna, contemporanea, elettrica, digitale e anche accessibile a un pubblico più grande. Poi abbiamo la Human 1 Vision, che è la sintesi di tutto quello che pensiamo vada verso un’attenzione e una cura per gli esseri umani: una tecnologia che innanzitutto intercetta se il guidatore è stanco e sta per addormentarsi, che consente di aver cura dei pedoni all’esterno dell’abitacolo, un sistema audio, nato proprio dalla partnership con Jarre, che ha 16 altoparlanti e localizza chi sta parlando e chi sta in silenzio per spostare la musica a seconda della posizione delle persone all’interno dell’auto. C’è questo, c’è tanto altro, ma c’è soprattutto l’essere umano al centro della nostra attenzione”.

foto: xa2/Italpress

(ITALPRESS).

Scritto da

Potrebbe interessarti

Copyright © 2023 Trameetech
Testata giornalistica online registrata il 29 dicembre 2021 al n. 238 del registro della Stampa del Tribunale di Milano
P.IVA: 12562100961