Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
digital innovation

innovazione

Digital Innovation Days: intervista a Giulio Nicoletti

Quella che qualche anno fa sembrava forse solo una scommessa, adesso è una laboratorio di idee che vede a confronto i più grandi protagonisti dell’innovazione. Per questo Giulio Nicoletti con il fratello (gemello) Nicola ha deciso di puntare su Digital Innovation Days. Appunto quel laboratorio diventato motore del cambiamento. Quest’anno si sta tenendo al Talent Garden Calabiana di Milano: ieri e oggi in presenza. E poi domani e dopo on line sul sito dell’evento.

Digital Innovation Days Giulio NicolettiDigital Innovation Days 2021: intervista a Giulio Nicoletti

I temi che girano intorno ai quattro pilastri del Digital Innovation Days – digitale, innovazione, sostenibilita e In-Formazione – vengono trattati in diverse sale tematiche. «L’idea è nata nel 2014 come evento sui social media – spiega Giulio Nicoletti -. Inizialmente mio fratello ed io collaboravamo nell’organizzazione e realizzazione dell’evento. Ma ci siamo resi conto dell’importanza del progetto e alla fine dal 2020 lo abbiamo preso in mano totalmente. Con un’edizione, forzatamente online, che ha visto ben 2000 partecipanti e più di 200 speaker»

Adesso si torna in presenza.
«Una sfida entusiasmante. Siamo Talent Garden Calabiana di Milano, abbiamo oltre 200 speaker tra i professionisti più influenti dei relativi settori. E ospiti internazionali tra cui Martin Lindstrom, Guru internazionale del neuromarketing».

Qual è il vostro significato di innovazione?
«È innovazione tutto ciò che riguarda la capacità di individuare soluzioni nuove a problemi presenti. Di concepire già da ora le risposte per i problemi futuri. È, innanzitutto, un’impostazione culturale e di mentalità. Per dire: quando parliamo di innovazione tecnologica dobbiamo pensare a come la tecnologia può essere utilmente usata per promuovere la crescita personale, sociale ed economica».

La pandemia ha cambiato questa visione?
«Prima del Covid si pensava alla tecnologia a qualcosa di utile ma futuribile. Ora invece ne stiamo sperimentando i benefici: per esempio abbiamo scoperto come utilizzarla per unirci e incontrarci. Allo stesso modo, ora sappiamo che l’intelligenza artificiale non si sostituisce a quella umana, ma rappresenta uno strumento per individuare soluzioni sempre nuove. Dobbiamo ora individuare soluzioni tecnologiche che supportino la crescita delle imprese e dell’economia, il vero motore sociale».

Oltre a Martin Lindstrom, quali sono gli ospiti importanti?
«Complicato indicarli tutti, rischierei di lasciarne fuori qualcuno visto il grande numero. Sul nostro sito si può trovare tutto il programma».

Quali sono i temi più rilevanti di questa edizione?
«Sono tutti raccolti nell’espressione Human Capital: Driver for Innovation. Ovvero promuovere il capitale umano come vera e propria leva per incentivare la ripresa post pandemica. L’evento sarà diviso in una sala principale, in presenza i primi due giorni, e diverse sale tematiche su temi come: Innovation&Emerging Tech; Health Tech; Food Tech; Fintech; Social media; Web Marketing; E-commerce; Influencer marketing; Content marketing&branding; Startup. In linea di massima, toccheremo tutti gli ambiti dell’economia e dell’impresa e come l’innovazione viene declinata in ciascuno di essi».

Come si svilupperà l’innovazione nei prossimi anni?
«Sarà sempre più legata a progetti specifici, legata a singole linee di business. L’impegno fondamentale, da parte delle imprese, sarà quello di fare sì che l’innovazione rappresenti sempre un ecosistema aperto. Dove ci sia spazio per una crescita sostenibile e inclusiva».

E quale sarà il futuro di eventi come il Didays?
«Saranno sempre di più contesti utili per confrontarsi e gettare basi di collaborazione fra settori differenti. L’innovazione è destinata ad essere sempre più cross-settoriale ed eventi come il nostro rappresenteranno un’ottima occasione di incontro per lo sviluppo di nuovi progetti imprenditoriali e sociali».

Advertisement. Scroll to continue reading.

Marco Pietro Lombardo

giornalista appassionato di tutto quanto fa tecnologia, caporedattore del quotidiano Il Giornale

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

Advertisement

Newsletter


Advertisement

Ultime news

slider

Samsung ha annunciato di aver venduto più di un milione di unità di “The Frame” nel corso di quest’anno. Un risultato che segna una...

innovazione

iospedisco.it, realtà innovativa con un’esperienza decennale nella logistica e nelle spedizioni, lancia un nuovo servizio all’avanguardia dedicato alle aziende. Si tratta di PRO, un...

Italpress

ROMA (ITALPRESS) – Si è tenuta a Roma l’assemblea di Città dei Motori per il rinnovo delle cariche sociali. Il risultato dell’elezione, in modalità...

Recensione

Abbiamo parlato in questo articolo di Motorola Defy, lo smartphone rugged commercializzato grazie a Bullitt. La recensione, come sempre esaustiva, è in questo video...

News

A settembre Samsung svelava ISOCELL HP1, il primo sensore fotocamera da 200 Megapixel. Finora non si avevano informazioni su potenziali utilizzi futuri. Ma un...

Italpress

TORINO (ITALPRESS) – In attesa delle prime full-electric annunciate dal presidente Toshihiro Suzuki nel 2025, la casa giapponese continua a rinnovare la sua gamma...