Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
Varsavia
Skyline di Varsavia

Interviste

Coronavirus, le voci digitali: Arek da Varsavia

Arek, 28 anni, vive e lavora a Varsavia. È un avvocato e ci manda un video (in inglese) dove racconta come stanno vivendo a Varsavia il lockdown per Coronavirus. Secondo il registo ndell’AIRE aggiornato nel 2018, in Polonia vivono circa 6300 italiani.

La voce digitale: Arek da Varsavia

In Polonia oltre 600 infettati e 8 morti

Viso tirato e preoccupato, Arek dice che in poche parole la situazione nel suo paese inizia a farsi drammatica. Al momento del video (22/03/2020 ore 20,39) gli infettati erano oltre 600 cittadini e sette i morti (oggi sono 8). Si chiede se le cose potrebbero peggiorare e prendere una brutta piega come è successo in Italia. Si risponde che onestamente non ne ha idea. Arek cerca di stare in casa e uscire solo se è necessario e attenersi alle regole e ai consigli dell’Oms.

Si esce solo per la spesa e portare fuori il cane

Tutto è chiuso. Le attività commerciali non essenziali sono sospese e la vita sociale è limitata ai contatti più stretti. Nel mese di maggio si dovrebbero tenere le elezioni presidenziali e questa situazione crea forti tensioni politiche. Tutte le forze politiche hanno infatti sospeso tutte le campagne e i meeting.

Arek ci dice che le sue uniche attività durante la giornata sono lavorare al computer da casa sua e uscire con il suo cane per qualche minuto senza allontanarsi troppo dal suo appartamento. Le uniche attività commerciali funzionanti sono i supermercati alimentari e le farmacie.

Istruzione continua ma solo online

Tutte le università, le scuole, i cinema, i musei e i teatri sono chiusi, come ormai quasi in tutti i paesi colpiti dal Coronavirus. «In generale qui a Varsavia la gente si sta comportando bene. Segue le regole e le restrizione imposte per protezione della salute», spiega Arek.

L’istruzione delle scuole e delle università sta continuando “virtualmente”, ovvero coma da noi, attraverso le piattaforme multimediali. Le disposizione del Governo iniziano a essere restrittive e tutti i cittadini sono invitati a restare in casa e a uscire solo per casi di comprovata necessità.

La compagnia di bandiera polacca, in accordo con il Governo, ha pianificato voli speciali per cercare di rimpatriare i cittadini polacchi sparsi in giro per il mondo.

Arek chiude invitando tutti di avere pazienza e a perdersi cura di noi stessi e dei nostri cari.

Take care and stay at home.

Leggi anche:

CORONAVIRUS, LE VOCI DIGITALI: ADELAIDE DA NAPOLI

CORONAVIRUS, LE VOCI DIGITALI: CRISTINA DA BRIGHTON

Scritto da

Potrebbe interessarti

News

Dopo averne annunciato l’arrivo a settembre, e4life dà il via alla vendita dei dispositivi e4ambient e e4you attraverso l’apertura del suo eCommerce. Infatti ora...

innovazione

Sono bastati pochi giorni di campagna per superare il traguardo prefissato. CovKill, la prima tecnologia in grado di dosare correttamente i raggi ultravioletti UV-C...

Fuori di Tech

L’edizione 2021 di Lifebility Award è stata intitolata “KO COVID-19″. E non è un caso quindi che i progetti vincitori hanno saputo dare una...

Fuori di Tech

Abbiamo capito che per circolare in epoca post vaccino servirà il green pass o certificato verde Covid-19. Ma come funzionerà. Ecco un piccolo vademecum...

Copyright © 2023 Trameetech
Testata giornalistica online registrata il 29 dicembre 2021 al n. 238 del registro della Stampa del Tribunale di Milano
P.IVA: 12562100961