Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
metaverso

innovazione

eClerx Digital e la rivoluzione del metaverso

«A che serve il metaverso?», prossima puntata. Possiamo chiamarla così questa chiacchierata con eClerx Digital, azienda veneta specializzata nella produzione di contenuti che è rimasta così aggiornata ai cambiamenti della tecnologia che è già entrata nella realtà virtuale. Mauro Donatelli, che ne è il Sales Director EMEA, ci accompagna in questo nuovo mondo, raccontando di come appunto il made in Italy diventa il valore aggiunto: «Facciamo parte di un gruppo globale indiano che si occupa di digital, e per noi un vantaggio: è come guardare dalla finestra, perché c’è la possibilità di lavorare per multinazionali e intercettare i loro orientamenti. E quello che vediamo è che tutti si stanno muovendo in questo campo, i progetti sono reali e in tutti i settori, con un’accelerazione negli ultimi 6 mesi. Detto questo però l’italianità è vincente, e sta dando un’impronta importante».

metavero eclerx

La rivoluzione del metaverso spiegata da eClerx Digital

Partiamo da qui insomma: come nel mondo reale il metaverso ha qualcosa di noi. Prendiamo eClerx Digital, appunto: presente a Verona da 50 anni, è nata con la stampa tradizionale. Ma ha saputo adattarsi a quanto il mercato chiedeva per la promozione dei contenuti: «In fondo non cambia nullaspiega Donatelli -: si è partiti dai cataloghi Postalmarket, si è passati ai grandi magazine per finire poi ai social network. Quando erano arrivati facebook o YouTube ci facevamo le stesse domande di oggi. E la risposta è che dove ci sono i consumatori quello è il posto dove presentare un prodotto. Cambiano solo le esigenze. Mio figlio, per esempio, vuole essere TikTok o Fortnite con le stesse scarpe che ha comprato nella vita reale. Noi diamo a chiunque questa possibilità».

metaverso e-commmerce

Mauro Donatelli

Per questo serve una struttura ad hoc, al passo coi tempi in cui bisogna dotarsi di Nft o blockchain per garantire scambi e sicurezza. E per Donatelli chi si muove oggi è già in ritardo: «Prendete il caso della moda: ci sono case già da tempo attive sul metaverso. Quindi bisogna buttarsi: noi lo abbiamo fatto quasi per gioco all’inizio. Quando abbiamo cominciato a interagire con le Università di Verona o di Cambridge, abbiamo capito che questa era la strada. In Italia ci sono ormai tante piccole e grandi società che stanno cogliendo l’opportunità. Buttandosi prima, e poi con concept già avanzati. Siamo più avanti degli americani che pretendono di strutturare il business prima di esplorarlo».

I settori già nel virtuale

Ma quindi: a che serve il metaverso? In realtà si dovrebbe chiedere innanzitutto dove serve. E i settori in cui i dati sono in crescita sono quelli del fashion e degli elettrodomestici. Là dove la pandemia ha accelerato la trasformazione dell’e-commerce: «Due anni fa i buyers era abituati ad andare alla sfilate per comprare: quando il mondo del fashion si è fermato è arrivato il momento di far capire la necessità di cambiamento. Così come il fatto di rimanere tutti in casa ha portato le famiglie a rinnovare la dotazione tecnologica in cucina. Acquistando online».

Il futuro insomma è arrivato, forse non in tutti i campi, «anche se, per dire, magari anche nel turismo si potrebbe utilizzare la realtà virtuale per pre-esplorare navi da crociera prima di scegliere un viaggio. Certo, alle Maldive è meglio andarci di persona…». E comunque l’immobiliare di sicuro ne avrà vantaggi («e noi stiamo cercando un ufficio a Milano a distanza…»), così come il mondo delle videoconferenze. Resta però il problema di trovare persone adatte a lavorare in questo nuovo mondo: ci vogliono insomma quelli che vengono definiti «artigiani del visuale». E la ricerca è ancora difficile.

«E non è solo questione di università, ma il lavoro deve cominciare dagli istituti tecnici, come succede all’estero. Servono anche specialisti in analytics, perché ogni azione che fai oggi viene tracciato e quindi c’è necessità di specialisti che quei dati li sappiano usare bene. Od anche esperti di diritti d’autore nel web. E poi comunque un po’ di filosofia non guasta: se volete un consiglio, rileggetevi il Neuromante di William Gibson. Perché se volete una spiegazione di cosa sia il metaverso lì c’è tutto. E con parecchi anni di anticipo…».

Il ritorno di Second Life

Una volta c’era Second Life: nacque nel 2003 e ci si poteva fare una vita parallela. La tecnologia era però ancora primitiva e dopo un po’ gli appassionati si stufarono di un mondo imperfetto. Boris Rodegher è l’Head of CGI Solutioning, Design & Innovation presso CLX Europe, responsabile del design 3D di eClerx Digital. L’uomo che crea i «gemelli digitali» per vivere nel metaverso: «Ed è una storia che continua: creiamo contenuti con una tecnica nuova ma con l’esperienza acquisita negli anni. In fondo il metaverso è uno spazio vuoto, noi vogliamo dare a tutti i mattoni per costruirlo. Siamo un po’ gli interior designer del nuovo mondo». Ci sono ancora problemi da superare, ma il futuro è tracciato: «Sta nascendo una seconda economia, parallela a quella reale. Second Life? È arrivato troppo presto. Ma ora ha una seconda possibilità».

In questo articolo la differenza tra metaverso e web3.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Marco Pietro Lombardo

giornalista appassionato di tutto quanto fa tecnologia, caporedattore del quotidiano Il Giornale

Potrebbe interessarti

News

Al momento gli NFT stanno affrontando un calo delle vendite. Secondo un recente report del Wall Street Journal, le vendite giornaliere di NFT sono...

innovazione

Valentino Rossi, pilota 9 volte campione del mondo, nonché uno degli sportivi più famosi e amati di tutti i tempi, entra nel Metaverso costituendo una...

innovazione

Metaverso e web3: negli ultimi mesi si è sentito parlare molto di questi due termini, così tanto importanti ma diversi. Ma qual è la...

innovazione

Nel 2019 facebook aveva presentato Libra, una cryptovaluta pensata soprattutto per le economie emergenti. Per quei Paesi dove solo una piccola minoranza della popolazione ha...

Advertisement
YouTube

Caricando il video, l'utente accetta l'informativa sulla privacy di YouTube.
Scopri di più

Carica il video

Newsletter


Advertisement

Ultime news

Audio

Honor ha annunciato il lancio in Italia degli Honor Earbuds 3 Pro, un paio di nuovi auricolari wireless che offrono un’esperienza audio e una...

innovazione

I telefoni pieghevoli di Motorola non hanno avuto molto successo nonostante il loro design impressionante e l’iconico marchio Razr. I primi due telefoni Razr...

Italpress

TORINO (ITALPRESS) – Con l’arrivo della bella stagione si torna a riassaporare scampoli di normalità, come prendere un caffè seduto al bar o andare...

innovazione

Motorola sta lavorando ad un nuovo smartphone di punta con una fotocamera principale da 200 MP. Il telefono, nome in codice Frontier, è apparso...

Italpress

ROMA (ITALPRESS) – Un luogo di elaborazione e proposta sul ruolo complessivo del settore automotive e motoristico del nostro Paese, declinato nei suoi diversi...

innovazione

In occasione della Giornata Mondiale delle api, Oppo lancia Giüro x Oppo, una capsule collection di bracciali realizzata a mano. Da abbinare all’ultimissimo Oppo...

Copyright © 2020 Trameetech
Testata giornalistica online registrata il 29 dicembre 2021 al n. 238 del registro della Stampa del Tribunale di Milano