Connect with us

Hi, what are you looking for?

Tra me & Tech
smart working pigiama

Fuori di Tech

Smart working in pigiama? La risposta di un indagine di InfoJobs

Oggi è il Pigiama Day. O meglio: la Giornata del Pigiama in Ufficio. E che c’entra con al tecnologia, direte voi? Lo spiega per noi InfoJobs, visto che in questa ormai sequela continua di meeting online ci si chiede se il binomio tra professionalità e abbigliamento sia ancora un vincente. Insomma: l’abito in era smart working deve fare il monaco? Ecco la risposta.

Smart working e pigiama secondo InfoJobs

La piattaforma n.1 in Italia per la ricerca di lavoro online ha interrogato sul tema i suoi utenti in occasione della Giornata del Pigiama in Ufficio di oggi.  Con l’obiettivo di regalare un po’ di leggerezza in questo momento difficile. Scoprendo quali siano le tendenze in termini di outfit delle persone che affrontano ogni giorno riunioni, briefing e chiusure di accordi commerciali direttamente dalle mura domestiche, ma non solo.

Ultimamente la casa, o almeno una parte di esso, è diventata anche ufficio. A spiccare tra i dati è proprio il dato che attesta un forte incremento dell’attività professionale in modalità agile. Quasi il 40% del campione nel 2021, rispetto al 15% nel 2020, afferma di lavorare almeno parzialmente da casa.

Il 58,2% dei rispondenti inoltre è organizzato con postazione dedicata pronto a gestire ogni sfida lavorativa. Anche se l’8,5% non disdegna il divano e addirittura un 4% gestisce mail e progetti comodamente dal letto. Il 29% invece non ha una postazione di lavoro fissa.

Come si veste chi lavora da casa?

Per il 65,9% vince la comodità: l’outfit sportivo  è l’ideale per gli smart workers. Seguito a grande distanza dal 15% che opta per l’opzione pigiama. Rimane un 17,3% che non ha modificato il suo stile a causa del cambio location lavorativa e continua a vestirsi come sempre.

Riguardo ai meeting in videocall i dati evidenziano un testa a testa fra gli irremovibili dello stile e quelli che si concedono qualche libertà. Per il 32,6% è una questione di stile, solo outifit completo scarpe comprese. Il 34,5% invece propone un mezzo busto elegante. Resta poi un 20,6% che ormai non fa più caso a cosa indossa. E c’è anche chi prende una posizione netta secondo la situazione: elegante con capo e clienti, pigiama o tutona con colleghi (7%).

Look e produttività sono collegati?

Per il 69% degli intervistati, il modo di vestire non incide sulla produttività. E quindi non è l’abbigliamento indossato a determinare il proprio grado di professionalità. Mentre il 31% crede che l’aspetto curato motivi maggiormente ad affrontare la giornata lavorativa anche se non necessariamente in ufficio.

Su questo argomento il parere contrastante arriva dagli intervistati InfoJobs tramite il proprio canale Instragram. Dove la maggioranza (52%) sostiene il contrario e che l’abbigliamento abbia inevitabilmente un impatto sulla produttività. Mentre il 48% dichiara non vi sia assolutamente un nesso tra abbigliamento e produttività.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Abbigliamento e lavoro

Non tutti però hanno la possibilità di svolgere il proprio lavoro in modalità agile, quindi l’indecisione rimane un punto cruciale per molti. Soprattutto per chi non ha vincoli che regolamentano l’outfit, come il 44,7% per il quale però non deve mai mancare il buon senso e il decoro. Massima libertà per il 25,8% che può dar sfogo alla propria creatività.

Divieti e limiti per il 29,6% che invece è legato a una divisa e non può esprimersi liberamente con il proprio look. E se proprio non è possibile aver agio sull’abbigliamento, si punta tutto sugli accessori. Tra quest’ultimi il portafortuna è rappresentato dal 19,6% degli intervistati. Com l’8,5% che dichiara invece di possedere un oggetto prezioso, ma destinato solo alle occasioni lavorative importanti.

Insomma, smart working in pigiama o no, buon venerdì lavorativo a tutti anche da Trame&Tech.

Marco Pietro Lombardo

giornalista appassionato di tutto quanto fa tecnologia, caporedattore del quotidiano Il Giornale

Lascia un commento

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti

innovazione

Un recente report McKinsey parla chiaro: secondo il 95% dei manager, “la digitalizzazione dell’ufficio e della collaborazione tra lavoratori” è la più grande trasformazione...

innovazione

Mobilità umana, ovvero nuova dimensione degli spazi nei nostri uffici. Questo è lo scopo di Human Mobility, una società specializzata nelle soluzioni dei workspace...

innovazione

Check Point Research ha reso noto di aver scoperto delle vulnerabilità nelle videoconferenze effettuate tramite Zoom. Alcuni hacker avrebbero potuto accedere a meeting privati....

Advertisement

Newsletter


Advertisement

Ultime news

innovazione

Non c’è solo il Wifi evoluto o il 5G per trasmettere dati nel prossimo futuro. Esiste anche la tecnologia Li-Fi, di cui si parla...

News

OWC è la prima azienda di tecnologia per Mac e PC a zero emissioni e un fornitore di memorie, unità esterne, SSD, soluzioni di...

Fuori di Tech

Esenzione dalle imposte di registro, ipotecaria, catastale e sostitutiva. Onorario notarile ridotto e, per gli immobili soggetti a IVA, un credito di imposta da...

innovazione

Le statistiche delle partite di Premier League in tempo reale per tutti. Questo è il senso dell’accordo di collaborazione tra il campionato di calcio...

Italpress

TORINO (ITALPRESS) – La Fiat 500 Sport Hybrid è protagonista di “Uno”, il nuovo videoclip di Ermal Meta. Diretto dal regista Tiziano Russo per...

Italpress

MILANO (ITALPRESS) – Dalla nascita di Horizon Automotive, all’inizio del 2020, il mese di aprile è stato il miglior mese di sempre in termini...