Connect with us

Hi, what are you looking for?

Fuori di Tech

I Droni in campo nella lotta contro la mosca della frutta

Attraverso l’utilizzo dei droni si è concluso il progetto di sperimentazione FEM. Che ha previsto l’analisi di fattibilità dell’applicazione della tecnica del maschio sterile per il controllo della mosca mediterranea della frutta.

https://www.youtube.com/watch?v=Y8SRoUzQcR0&feature=youtu.be

I Droni in campo nella lotta contro la mosca della frutta

Una tecnica applicabile anche in Trentino

Droni in campo contro la mosca mediterranea della frutta, un insetto che crea danni in Trentino soprattutto su pesche e melo. La Fondazione Edmund Mach sta sperimentando la tecnica del maschio sterile, rilasciando gli insetti sterili importati dalla Spagna attraverso l’uso dei droni. Un sistema che riduce le popolazioni di questo insetto consentendo a sua volta la riduzione dell’uso di insetticidi. Come ad esempio in Spagna dove questo metodo è ampiamente utilizzato. Il progetto FEM ha evidenziato che questa tecnica è applicabile anche nel territorio trentino.

La mosca mediterranea della frutta

Ceratitis capitata Wiedemann, comunemente nota come mosca mediterranea della frutta, è un parassita originario dell’Africa orientale. Diffuso attualmente in tutte aree frutticole della costa mediterranea, che attacca più di 300 diversi ospiti.

C. capitata è storicamente presente nelle regioni meridionali e centrali italiane ma recentemente, a causa dei cambiamenti climatici, ha causato danni alla frutta anche nelle regioni settentrionali. In Trentino, fu segnalata per la prima volta nel 1990 ma questo primo ritrovamento è stato seguito da altri che testimoniano una diffusione lenta e costante nella regione.

Diffusione e danni provocati

Allo stato attuale, la mosca mediterranea della frutta è stabilita nell’area dell’Alto Garda e a macchia di leopardo nella Valle dell’Adige. Dove provoca danni soprattutto su mela. Per mantenere il danno al di sotto della soglia economica, in alcuni anni sono necessari specifici trattamenti con insetticidi ovo-larvicidi. C. capitata attacca le mele mature poco prima della raccolta. Momento in cui non è possibile effettuare trattamenti insetticidi che causano l’aumento dei residui di prodotti fitosanitari sui frutti.

Difesa e sperimentazione: la tecnica del maschio sterile

Attualmente le ricerche sono concentrate sullo sviluppo di approcci ecologici per la gestione della mosca, tra cui la tecnica del maschio sterile (Sterile insect technique – SIT). Tecnica che prevede il rilascio nei frutteti di maschi sterili della stessa specie da combattere. Il successo di questa misura di controllo alternativa dipende dalla densità e dalla distribuzione spaziale dell’organismo nocivo bersaglio. Poiché il livello di popolazione di C. capitata in Trentino è ancora basso ed il parassita è diffuso in un’area delimitata da vegetazione non ospite, la regione sembra essere adatta per saggiare la tecnica dell’insetto sterile.

Fondamentale è anche la competitività dei maschi sterili rilasciati, che può essere influenzata da: ceppo, metodo di allevamento, effetto della sterilizzazione con radiazioni, marcatura, stress durante la conservazione, spedizione al sito di rilascio e procedura di rilascio.

Advertisement. Scroll to continue reading.

Il progetto FEM

Il progetto SIT (FAS – PSR 2014-2020), sviluppato negli anni 2018-2020, ha avuto come obiettivo lo stabilire la fattibilità dell’applicazione della tecnica del maschio sterile per il controllo di C. capitata (Mosca mediterranea della frutta) in Trentino.

Il primo obiettivo raggiunto è stato la definizione di una procedura dinamica per il trasferimento dei maschi sterili dalla biofabbrica alle aree di rilascio, il più veloce possibile, poichè il tempo trascorso dalle pupe in condizioni di ipossia è fondamentale che sia ridotto al minimo. Pena l’influenza dei parametri di qualità degli insetti rilasciati, e di conseguenza della loro efficacia. A questo sono seguite lo studio delle fasi di preparazione in laboratorio e di rilascio, corredate da indagini circa la percentuale di maschi emergenti ad ogni spedizione, la dispersione in campo, la percentuale di ricatture. Nonché la valutazione della performance di accoppiamento con la popolazione naturale.

Scritto da Mattia Severgnini

Potrebbe interessarti

innovazione

Huawei a FOSDEM’21 ha annunciato l’accordo con SECO. Che rappresenta il primo passo di un percorso di collaborazioni nell’ambito del progetto europeo OpenHarmony. Il...

innovazione

Ericsson e Vodafone hanno portato a termine con successo la sperimentazione di consegna merci e servizi critici tramite droni gestiti da reti mobili. La sperimentazione...

innovazione

Facebook ha lanciato GetDigital, un progetto per aiutare genitori, educatori e giovani a muoversi sicuri nel mondo digitale con guide complete, risorse e un...

News

Nital ha annunciato l’arrivo sul mercato italiano della nuova generazione di droni tascabili AirPix di AirSelfie. I droni tascabili AirPix di AirSelfie L’annuncio di...

Advertisement

Newsletter


Advertisement

Ultime news

gaming

IIDEA, l’Associazione di categoria che rappresenta l’industria dei videogiochi in Italia, ha presentato il primo appuntamento con l’Esports Outlook 2021. Ovvero un resoconto dei...

Motor Tech

Il navigatore ha ancora una loro strada da percorre sul mercato. Nonostante siano mai parte integrande dei nostri smartphone. La riprova è l’uscita di...

News

Prosegue con successo Mi Academy, il programma di training rivolto agli addetti vendita, sviluppato da Xiaomi Italia e disponibile in 8 mercati dell’Europa Occidentale....

innovazione

Octo_Net, startup innovativa che opera con l’obiettivo di realizzare sistemi informatici in grado di supportare le aziende nella rinascita digitale, ha sviluppato un nuovo software...

Italpress

E’ arrivata nei concessionari Aprilia la nuova Tuono V4. La Hypernaked che vanta un milione di tentativi di imitazione si sdoppia. Il nome Factory...

Italpress

Suzuki presenta il nuovo KIT Freedom che sarà omaggiato a chi acquisterà, fino al 30 giugno, una V-Strom 650 o la V-Strom 650 XT....

Exit mobile version