< Qualcomm lancia i nuovi processori audio avanzati - Tra me & Tech
Banner Content

Qualcomm ha lanciato una nuova serie di processori SoCs che fanno parte della terza e decisiva fase di sviluppo del settore audio wireless. Si tratta di chip che andanno a integrare i nuovi prodotti delle maggiori aziende di alto livello del settore.

I nuovi processori audio di Qualcomm

Ecco il QCC51xx e il QCC30xx

Stiamo parlando delle evoluzioni delle linee premium e entry level. Che aumentano le prestazioni su alcuni elementi chiave. Aumentando la potenza di connettività, il risparmio della batteria, la miniaturizzazione. Nonché la qualità audio, l’integrazione degli assistenti vocali, il True Wireless mirroring.

Le funzioni avanzate

Partendo proprio dal True Wireless mirroring, è in arrivo una nuova generazione. Con un sistema che sceglie automaticamente il canale – e quindi l’auricolare – a cui mandare il segnale (destra, sinistra, entrambi) senza alcuna interruzione dell’audio.

Perfezionate anche le caratteristiche di cancellazione del rumore. Anche in questo caso giocano la miniaturizzazione dei componenti, il risparmio della batteria e l’assenza di interruzioni del segnale. Con performance ottimali in ogni situazione, grazie ad un algoritmo che riconosce gli ambienti in cui ci si trova.

La funzione di assistente vocale viene adattata, a seconda del processore, alle situazioni. Se si sta correndo, se si è in ufficio, se si sta viaggiando su un aereo, ogni scenario ha una risposta a seconda del chip montato dal dispositivo audio. Nel video allegato trovate le spiegazioni in dettaglio.

I miglioramenti in percentuale

Prendendo come paragone il QCC514x abbiamo un risultato dell’86% in più rispetto ai competitor riguardo le funzioni di durata della carica in pausa e delle funzioni attive ANC e Always On voce. Aggiungendo le chiamate le funzioni Hands free e miglioramento voce, il dato segna il 26%. Aggiungendo ancora l’ascolto della musica, siamo al 22%.

Qualcomm ha ulteriormente migliorato anche l’aptX Adaptive Audio, cioè appunto la qualità del segnale audio adattato automaticamente all’ambiente e alle situazioni circostanti. Con il nuovo studio tecnologico vengono ridotte al minimo le interferenze al segnale, che arriva con qualità CD e ad alta risoluzione. In più è stata minimizzata la latenza per i gamers e anche la voce esce ad alta risoluzione.

Tags: , ,
Marco Pietro Lombardo
giornalista appassionato di tutto quanto fa tecnologia, caporedattore del quotidiano Il Giornale

Articolo Correlato